ALEX MARINI (M5S) * TUNNEL DELLA VAL VESTINO: ” IL M5S UNICA FORZA POLITICA AD AVER DENUNCIATO DA SUBITO LE OPACITÀ DEL PROGETTO “

Tunnel della Val Vestino. Il M5S unica forza politica ad aver denunciato da subito le opacità del progetto. Il M5S è sempre stato molto critico verso le modalità di approvazione del progetto di collegamento fra la Valle del Chiese la Val Vestino.

La questione è intuitiva: con tutto il rispetto per le esigenze dei Comuni bresciani di Valvestino e Magasa, è necessario che le spese effettuate con denaro pubblico rispondano a criteri di razionalità ed efficacia nei confronti delle esigenze collettive. Si tratta di principi che sarebbero del tutto disattesi investendo almeno 32 milioni (più dell’80% delle risorse provenienti dalla Provincia di Trento) per costruire un tunnel a senso unico alternato e favorire 2 Comuni la cui popolazione assommata raggiunge a malapena le 320 unità.

Con i tempi che corrono giustificare una spesa di più 100 mila euro per abitante appare francamente insostenibile, senza contare il pregio naturalistico dell’area potenzialmente interessata dal tunnel e il fatto che autorevoli studi ne quantificano il costo reale in cifre assai superiori a quelle ufficialmente preventivate.

In base a queste ragioni noi del M5S abbiamo ritenuto il tunnel della Val Vestino inutile e dannoso sin da molto prima del maggio 2017, quando a Tione fu siglato l’accordo di programma tra Provincia di Trento e Regione Lombardia per la realizzazione della galleria.

Alle parole abbiamo fatto seguire i fatti. Sia a livello parlamentare (Fraccaro 4-12989 Leg.XVII) che provinciale (Degasperi 3458, 3952 e 4125/XV) abbiamo chiesto lumi su questo spreco annunciato, proponendo nel contempo soluzioni progettuali alternative, ispirate ai principi della mobilità sostenibile, sottolineando l’opacità delle procedure e l’assenza di una qualsiasi analisi costi-benefici per verificare l’opportunità dell’opera.

In tal modo abbiamo scoperto e denunciato come la proposta progettuale non sia mai stata resa pubblica per essere sottoposta alla valutazione della cittadinanza anche riguardo agli aspetti relativi all’impatto ambientale. Ad esempio, è mancata clamorosamente una valutazione ambientale strategica. Inoltre è risultato chiaro come per quest’opera non sia mai stato prodotto un documento di pianificazione economico-finanziaria, altro elemento che ci rafforza nell’idea che il tunnel non sia razionalmente giustificabile.

Per noi la questione è chiara. Il tunnel della Val Vestino rappresenta uno spreco di denaro pubblico, portato avanti senza consultare i cittadini e pertanto la nostra contrarietà alla sua realizzazione è massima. Se gli elettori ce ne daranno la forza faremo in modo di sventare l’approvazione di ulteriori progetti di questo tipo e che comportano un inutile salasso a spese dei contribuenti.

 

*
Alex Marini (M5S)
Candidato alle elezioni della Provincia autonoma di Trento 2018