In Commissione da giovedì 9 a mercoledì 15 luglio. Pronto per il primo esame il pacchetto dell’assestamento di bilancio proposto da Fugatti.

Passato al vaglio tecnico del servizio legislativo di palazzo Trentini dopo che la Giunta l’aveva approvato e depositato in Consiglio, il “pacchetto” della manovra di assestamento del bilancio della Provincia proposto per il 2020 dal presidente Fugatti è ora disponibile nel sito dell’assemblea legislativa al link allegato (aprire la convocazione alla voce “ordine del giorno”).

La finanziaria di metà anno è formata da tre documenti: il disegno di legge 59 relativo all’approvazione del rendiconto generale della Provincia per il 2019 firmato dal presidente Fugatti; il disegno di legge 60 dedicato al vero e proprio assestamento del bilancio di previsione della Provincia per gli esercizi 2020-2022 sempre proposto dal capo dell’esecutivo; e infine il Documento di economia e finanza provinciale (Defp 2021), sul quale il Consiglio che fotografa l’andamento tendenziale dell’economia trentina tenuto anche conto dell’emergenza determinata dal Covid-19, testo sul quale il Consiglio è chiamato ad esprimere un parere.

L’esame del “pacchetto assestamento” impegnerà la Prima Commissione, presieduta da Vanessa Masè (La Civica) da giovedì 9 a mercoledì 15 luglio nella sala Lenzi della sede istituzionale del Consiglio in via Torre Verde 16 a Trento. Dopo che il presidente Fugatti avrà illustrato la manovra all’organismo con un intervento riservato ai consiglieri in programma giovedì dalle 14.30 alle 16.30, seguirà subito la discussione generale che si concluderà alle 18.30.

Venerdì 10 luglio prenderanno il via le prime consultazioni delle principali sigle sindacali (Cgil, Cisl, Uil, Fenalt e Dirpat) e del Coordinamento provinciale impresnditori insieme all’Associazione trentina dell’edilizia (Ance), che impegneranno la Commissione al mattino dalle 9.30 alle 12.30.

Le audizioni sull’assestamento proseguiranno e si concluderanno nel pomeriggio di lunedì 13 luglio coinvolgendo il Comitato per l’imprenditoria femminile, la Camera di commercio, le associazioni di rappresentanza delle categorie agricole e il Consiglio delle autonomie locali. All’esame degli articoli e degli emendamenti, alle dichiarazioni finali e al voto conclusivo sono dedicate le giornate di martedì 14 (sia mattino che pomeriggio) e di mercoledì 15 luglio (solo pomeriggio dalle 14.30).

 

LINK ALLEGATI