PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Il Trentino news - settimanale tv - (puntata n° 10)

Fedriga (Lega, Pres. Friuli): “Striscione Regeni? Secondo il pensiero unico se metti lo striscione chiedi la verità, se lo togli vieni accusato di essere colluso con l’Egitto. Il Piccolo, giornale di Trieste, ha messo mi piace a un post che mi paragona a un gerarca nazista. Poi sono gli stessi che fanno le campagne contro gli haters. Ho visto anche il tweet di Enrico Letta, che ho sempre stimato, e che mi dà del meschino. Boldrini dice di ritirare ambasciatore italiano al Cairo? Quando Boldrini era presidente della Camera ed è stato rimandato l’ambasciatore italiano al Cairo perché è stata zitta?”. Riguardo l’immigrazione sulla rotta balcanica: “Tutti i Paesi su quella rotta devono fare filtro e bloccare altrimenti dovremo sospendere Schengen”

Il Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga (Lega) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulla rimozione dello striscione su Giulio Regeni. “Sono stato eletto ad aprile 2018 e, malgrado ritengo sia un modo per lavarsi la coscienza in modo facile mettere lo striscione, un’ipocrisia incredibile, l’ho tenuto per un anno. Quando mi è stato chiesto di rimuoverlo per tre giorni per fare delle riprese, già erano partite le polemiche della sinistra sul giornale. Stavolta c’è l’Under 21, abbiamo addobbato tutti i palazzi, e c’è stato l’ennesima polemica. Non voglio alimentare altre polemiche, quindi lo togliamo completamente. Si toglie uno striscione che penso non sia il motivo essenziale per cui ci diranno la verità su Giulio Regeni.

Con la logica degli striscioni, dovremmo metterne uno per Laura Orlando, uccisa dal compagno. Dovrei chiedere giustizia per una ragazza friulana morta in Spagna e non è emersa una responsabilità che sia una. Qui tutti ci stiamo battendo per Regeni, ma non credo che la soluzione sia lo striscione. Ho visto anche il tweet di Enrico Letta, che ho sempre stimato, e che mi dà del meschino. Secondo il pensiero unico se metti lo striscione chiedi la verità, se lo togli vieni accusato di essere colluso con l’Egitto. Il Piccolo, giornale di Trieste, ha messo mi piace a un post che mi paragona a un gerarca nazista. Poi sono gli stessi che fanno le campagne contro gli haters. Questa è alcuna stampa in questo Paese.

Boldrini dice di ritirare ambasciatore italiano al Cairo? Quando Boldrini era presidente della Camera ed è stato rimandato l’ambasciatore italiano al Cairo perché è stata zitta? Qui bisognerebbe chiarire il ruolo di Cambridge, chi ha mandato Giulio Regeni in Egitto? Il ministro del lavoro egiziano che ha voluto derubricare l’omicidio di Regeni a omicidio semplice è vergognoso. Bisogna guardare a 360 gradi per capire cosa è realmente accaduto, altrimenti si semplifica la vicenda a uno scontro Egitto contro Italia”.

Riguardo l’immigrazione sulla rotta balcanica. “Non accuso la Croazia, dico che la Croazia deve fare il suo mestiere, ma anche l’UE deve intervenire. Tutti i Paesi su quella rotta devono fare filtro e bloccare. Siamo arrivati a questa situazione surreale, dove quando siamo confine sul mare la responsabilità deve vedersela l’Italia, quando si tratta di confine terrestre dobbiamo comunque vedercela da soli. Adesso partiranno i controlli congiunti con la Slovenia. Se io anche mettessi tutto il confine pieno di poliziotti ogni metro, se il poliziotto vede che sta arrivando l’immigrato irregolare che chiede di voler fare la domanda di protezione umanitaria in Italia, il poliziotto è costretto dalle leggi a farlo entrare in Italia. La Serracchiani che insegna come gestire l’immigrazione è come Jack lo squartatore che insegna a salvare vite umane. I problemi vengono proprio dall’amministrazione Serracchiani. In una situazione emergenziale bisogna prendere posizioni forti, se ci sarà la collaborazione di tutti non sarà necessario sospendere Schengen”.