GHEZZI (FUTURA) * ddl regionale: « autoriduzione volontaria indennità a scopi di solidarietà, Il contrario dell’ “Aiutiamoli a casa loro” di Salvini e i suoi imitatori locali »

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Il capogruppo di FUTURA presenta un ddl regionale per l’autoriduzione volontaria dell’indennità consiliare a scopi di solidarietà.

Dopo i tagli ai servizi per i richiedenti protezione, la giunta provinciale di Trento ha annunciato un taglio di 5 milioni ai progetti di cooperazione internazionale. Tutto il contrario dell’ “Aiutiamoli a casa loro” di cui si riempiono la bocca Salvini e i suoi imitatori locali.

FUTURA – Partecipazione e Solidarietà continuerà a lottare, in consiglio provinciale, contro questi tagli immotivati e ingiusti. §

Intanto, il capogruppo Paolo Ghezzi, dopo le risposte negative del presidente e del segretario generale del Consiglio alla sua richiesta individuale, depositerà un disegno di legge per consentire la destinazione volontaria a scopi di solidarietà sociale di parte dell’indennità consiliare lorda.

Il motivo dell’iniziativa è spiegato in una lettera con cui Ghezzi ha presentato l’idea ad alcune colleghe e alcuni colleghi di altri partiti durante l’ultima seduta del consiglio regionale. “Il mio intento è molto semplice – spiega il capogruppo di Futura – : visto che il consigliere regionale può rinunciare a tutta o parte della sua indennità lorda, propongo che possa farlo destinandola a iniziative di solidarietà sociale, anziché ridarla alla Regione. Certo che, come mi ha risposto il segretario generale della Regione, posso destinare a fini sociali una parte della mia indennità netta: ma così, volendo destinare la stessa percentuale, si dà in realtà molto meno, per via delle ritenute fiscali.

Nel mio caso, dal gennaio 2019 ho cominciato a destinare a una onlus di solidarietà (il Centro Astalli) il 25% del mio netto, pari a 1.386 euro al mese (la stessa cifra che destino anche a Futura). Se invece a scopi di solidarietà potessi destinare il 25% lordo, la onlus riceverebbe 2.450 euro, oltre mille euro di più al mese. In una legislatura di 5 anni, sarebbero 63.840 euro in più destinati a scopi sociali, senza aumentare di un solo euro i costi per la Regione.

Il ddl regionale non obbliga ovviamente nessuno a rinunciare a nulla. Prevede solo che, nel caso di rinuncia volontaria di un consigliere a parte dell’indennità, le somme vadano a un fondo che le destini a scopi di solidarietà sociale. Un’idea bipartisan, non ideologica, a cui spero che consiglieri di ogni forza politica possano dare il loro appoggio”.

 

*

Paolo Ghezzi, consigliere regionale e provinciale Futura 2018

 

 

5) il parere (negativo anch’esso) della segreteria generale del Consiglio regionaleLegge regionale 5_2016

 

Risposta Futura 2018 - ddl richiesta parere signed

 

risposta di Paccher 21032019 Ghezzi - rinuncia indennita consiliare