CIVETTINI – INTERROGAZIONE * PUNTO NASCITA CAVALESE: “VALLE DI FIEMME E DI FASSA ATTENDONO LA RIAPERTURA, STRUMENTALE IL TARDIVO ANNUNCIO ASSUNZIONE DEI MEDICI?”

La questione del punto nascita della Valle di Fiemme, a Cavalese, annunciata come risolta dalla Provincia, continua a rimanere tutt’altro che tale. Principalmente per la (non) disponibilità di personale medico. Infatti, su 11 candidati ginecologi presenti al concorso, 4 avrebbero superato i requisiti richiesti.

Ora, se confrontato ai due concorsi precedenti (nel 2014 risultarono non idonei 19 su 19 e nel 2016 avevano lasciato in sospeso il concorso per 18 mesi perdendo 17 dei 19 candidati e poi hanno bocciando i 2 restanti…) si è registrato, senza alcun dubbio, un netto miglioramento.

Tuttavia, per garantire una situazione che veda prospettive positive, vi sarebbero dovuto dar corso ad almeno 6 medici ingaggiati. Nel frattempo, con meno fatica del solito, pare si sia riusciti a far ingaggiare il terzo pediatra e il quarto comincerà il primo gennaio 2018.

Uno scenario che, a questo punto, per la riapertura con la deroga concessa, del soppresso reparto, non lascerebbe che una opzione, ossia il dar corso all’ingaggio di ginecologi e pediatri mancanti (rispettivamente 3 e 2) attraverso i gettonisti (come ovunque in Italia), aprendo poi i nuovi concorsi per completare l’organigramma nel 2018.

Un’ipotesi che pare di gran lunga preferibile alle altre – fra cui quella della subitanea riapertura di nuovi concorsi nella (vana) speranza che qualcuno si presenti nonostante i reparti sospesi -, e per la quale pare opportuno interpellare l’Amministrazione provinciale proprio per sapere, in aggiunta a quanto sin qui detto, se e quando si intenda dare annuncio della conclusione dell’iter relativo al reperimento dei medici specialisti necessari e della data ufficiale per la riapertura del punto nascita della Valle di Fiemme, dando così finalmente concreta realizzazione alle promesse pubblicamente assunte in questo senso.

Annunci immediati, in assenza dei quali, di là da ogni furberia strumentale dei furbetti della politica locale, si andrebbe a vanificare la stabile riapertura del punto nascite di Cavalese, procrastinandolo magari al “sogno” elettorale del nuovo ospedale, che-guarda caso-attiverà la progettazione proprio a ridosso della campagna elettorale per le elezioni provinciali.

 

*

Tutto ciò premesso il sottoscritto Consigliere interroga il Presidente della Giunta provinciale e l’Assessore provinciale competente per sapere:

• Se corrisponda al vero, con riferimento alla riapertura del punto nascite della Valle di Fiemme, su 11 candidati ginecologi presenti al concorso,4 sarebbero risultati idonei alle richieste dell’azienda Sanitaria;

• Quale sia ora il programma operativo per l’assunzione e la definizione degli staff sanitari necessari per dar corso alla riapertura in deroga, del Centro nascita di Cavalese;

• Se corrisponda al vero che, per sanare nell’immediato la situazione, sarebbero necessari almeno 6 ingaggi di medici cosiddetti “gettonisti” e nel caso, come si intenda procedere in tal senso;

• Se condivida l’opportunità, alla luce di quanto poc’anzi detto, di procedere con l’ingaggio di ginecologi e pediatri mancanti (rispettivamente 3 e 2), quali i percorsi di reclutamento e come e se si intenda poi procedere, per la stabilizzazione all’apertura di nuovi concorsi per completare l’organigramma nel 2018;

• Entro quali termini e secondo quali modalità, in caso affermativo rispetto al quesito precedente, intenda attivarsi in proposito;

• Se vi siano le condizioni, vista la situazione, di dare concretezza all’annunciata promessa di riapertura del Centro nascite di Cavalese o se si voglia optare-come sfuggito a qualche “saputo” locale, che tutto slitterà (elettororalisticamente!), a dopo la realizzazione del sogno del nuovo ospedale di Cavalese che dovrebbe dar corso alla gara di appalto proprio in prossimità – caso strano ma non certo raro! -proprio in concomitanza con le ormai prossime elezioni provinciali del novembre 2018.

A norma di regolamento si richiede risposta scritta.

 

*

Cons. Claudio Civettini