I RUOLI DELLA "PROCURA“ E "SEZIONE CONTROLLO"

 

Intervista a Marcovalerio Pozzato - Procuratore Corte dei Conti Trento

Mobilità in Fassa: vicini alla corsia per il trasporto pubblico. La Commissione mobilità del Comun general, guidata dal conseier de procura Celestino Lasagna, sostiene il progetto del Bus Rapid Transit, da 40 milioni di euro, con cui la Provincia intende ridurre il traffico nella valle ladina.

L’incontro tra l’assessore provinciale al turismo Roberto Failoni, il consigliere provinciale ladino Luca Guglielmi, il conseier de procura alla mobilità del Comun general de Fascia Celestino Lasagna e i vertici dell’Apt di Fassa, avvenuto lo scorso primo ottobre nella sede dell’Apt ladina, ha confermato l’intenzione della Provincia di Trento, per risolvere il problema del traffico in Val di Fassa, di proseguire nello studio della corsia per il Bus Rapid Transit. Si tratta della corsia riservata al trasporto pubblico, che avrebbe un costo di circa 40 milioni di euro. Non solo, la PAT, per migliorare il trasporto pubblico su gomma in estate, starebbe valutando di incrementare, dal 2020, le corse con cadenza ogni 10 minuti.

La scelta della corsia dedicata al trasporto pubblico convince la Commissione mobilità del Comun general che, in questi anni, ha esaminato il problema del traffico da affrontare sui suoi due fronti: la mobilità interna lungo l’asse di valle e la mobilità esterna, caratterizzata dall’afflusso di diversi mezzi privati (soprattutto di turisti) provenienti da aeroporti e stazioni ferroviarie. «Per la mobilità interna – spiega Celestino Lasagna – servono soluzioni a breve termine, invece per quella esterna l’obiettivo è a medio termine. Nel caso del collegamento con gli aeroporti e le stazioni ferroviarie, le soluzioni vengono fornite dal mercato, infatti esiste il trasporto privato che offre il servizio verso questi scali, mentre mancano i collegamenti con l’asse ferroviario del Brennero e trasporti frequenti da e per la stazione di Bolzano». La Commissione ha vagliato anche diversi progetti di mobilità pubblica alternativa alle auto.

«Le ipotesi prese in considerazione sono il trasporto su rotaia proposto nello studio del BIM e in quello di Transdolomites, nonché un sistema di mobilità su fune su cui c’era molto interesse. La Provincia ha, invece, presentato il progetto di una corsia riservata al Bus Rapid Transit di linea lungo le Valli di Fiemme e di Fassa per incentivare l’uso dei mezzi pubblici e ridurre notevolmente, rispetto ai veicoli privati, i tempi di percorrenza. Dopo un’attenta valutazione, quest’ultimo progetto si rivela preferibile: è l’unico in grado di diminuire il traffico, a breve termine. I tempi e i costi di realizzazione e manutenzione, poi, sono molto inferiori rispetto al trasporto su ferrovia o su fune, inoltre la nuova corsia potrebbe essere utilizzata anche dai mezzi di soccorso, spesso intralciati dai veicoli».

A far optare la Commissione per questa soluzione anche i periodi di concentrazione critica del traffico che coincidono con l’alta stagione turistica e si circoscrivono a due-tre settimane ad agosto e altrettante d’inverno. «Le infrastrutture sono indispensabili in limitati momenti dell’anno e considerando il rapporto costi benefici, sia dal punto di vista economico, sia ambientale, la corsia in questione è indubbiamente la soluzione migliore. Non da ultimo, eccetto durante l’alta stagione, su questa corsia potrebbero transitare le biciclette o i pedoni, in modo da separare le categorie di destinatari del tracciato ciclopedonale, che a volte risulta pericoloso a causa del sovraffollamento, migliorandone così la sicurezza e la fruibilità da parte degli utenti».

Certo, ci sono anche altre priorità legate alla mobilità in Fassa, come sottolinea Lasagna: «Per incentivare l’uso del trasporto pubblico è indispensabile la creazione di parcheggi di testata. Dobbiamo, poi, sollecitare la Provincia per la realizzazione dei pochi interventi previsti nel “Piano stralcio della mobilità della Val di Fassa”, in particolare il completamento del percorso ciclopedonale e le rotatorie di Sèn Jan e di Forno. È opportuno anche avviare al più presto la progettazione della circonvallazione Campitello-Canazei, per liberare i centri abitati dal traffico. Infine, auspichiamo un collegamento a fune da Soraga a Pozza – frazione di Sèn Jan».

 

*

Comunicato stampa

Mobilità te Fascia: podessa ruèr la corsìa per l trasport publich

La Comiscion mobilità del Comun general, reta dal conseier de procura
Celestino Lasagna, la sostegn l projet del Bus Rapid Transit, da 40 milions de euro,
con chel che la Provinzia la volessa smendrèr l trafich te Fascia

La scontrèda anter l’assessor provinzièl al turism Roberto Failoni, l conseier provinzièl ladin Luca Guglielmi, l conseier de procura a la mobilità del Comun general de Fascia Celestino Lasagna e la direzion de l’Apt de Fascia, stata l prum de otober passà te senta de l’Apt ladina, l’à confermà l’intenzion de la Provinzia de Trent, per fèr fora la costion del trafich te Fascia, de jir inant col studie de la corsìa per l Bus Rapid Transit. Se trata de la corsìa resservèda al trasport publich, che l’aessa n cost de apresciapech 40 milions de euro. No demò, la PAT, per miorèr l trasport publich co la corieres via per l’istà, la fossa dò a conscidrèr de smaorèr l numer de la corses, dal 2020 inant, ogne diesc menuc.

La cernia de la corsìa aposta per l trasport publich la ge scusa a la Comiscion mobilità del Comun general che, te chisc egn, l’à conscidrà la costion del trafich da cogner fèr fora de doi versc: chel de la mobilità te val e chel de la mobilità che vegn da foravìa, caraterisèda soraldut dal gran numer de veìcoi privac (più che auter de ghesć) che vegn da aeroporc e stazions de la ferata. «Per chel che vèrda la mobilità te val – l despiega Celestino Lasagna – ge vel troèr fora soluzions te tempes curc. Alincontra, per chela che vegn da foravìa, per ruèr a l’obietif ge vel tempes più lonc. Tel cajo del coleament coi aeroporc e la stazions de la ferata la soluzions les vegn jà dal marcià, de fat l’é l trasport privat che l sporc l servije envers chesta destinazions, ma mencia amò i coleamenc co la ferata del Brener e n maor numer de trasporc da e per la stazion de Busan». La Comiscion l’à conscidrà ence de etres projec de mobilità publica alternativa ai auti. «La proponetes vardèdes fora l’é l trasport co la ferata proponet tel studie del BIM e te chel de Transdolomites e n sistem de mobilità con impianc a fun, sun chel che l’era n gran enteress.

La Provinzia l’à enveze metù dant l projet de na corsìa resservèda al Bus Rapid Transit de linia te la valèdes de Fiem e de Fascia per sostegnir la doura di mesi publics e smendèr n bon pech, respet ai veìcoi privac, i tempes per passèr fora la valèdes. Dò aer vardà fora chisc projec, chest ultim l se à palesà desche chel da preferir, ajache l’é l soul che pel smendrèr l trafich te tempes curc. I tempes e i cosć per fèr i lurieres e per la manutenzion i é ence trop mendres respet al trasport co la ferata o con impianc a fun e, amò apede, la neva corsìa la podessa vegnir durèda ence dai mesi de socors, che tropa outes i stenta a se mever per via del trafich». A fèr dezider la Comiscion per chesta soluzion l’é ence l fat che l trat de temp te chel che l’é dassen n gran trafich l’é de dotrei setemènes de aost e autertantes d’invern. «La infrastrutures les serf demò per curc trac de temp te n an e conscidran l raport anter i cosć e i benefizies, tant dal pont de veduda economich che ambientèl, la corsìa en costion l’é seguramenter la mior soluzion.

Amò apede, fora che endèna l’auta sajons, sun chesta corsìa podessa jir la rodes o la jent che va a pé, a na moda da spartir la categorìes che se emprevèl del vièl per jir a pé e co la rodes che, vèlch outa, l’é pericolous per via che l’é massa jent che la l doura e se podessa coscita miorèr la segureza e la doura da pèrt di utenc». Ben segur, l’é ence de autra prioritèdes leèdes a la mobilità te Fascia, descheche sotrissea Lasagna: «Per fèr a na moda che la jent la se emprevèle del trasport publich ge vel enjignèr posć per i auti al scomenz di paìjes. Cognon dapò ge domanèr a la Provinzia che la mete en esser i pec intervenc pervedui del “Pian spezifich per la mobilità te Fascia” e soraldut che vegne fenì sù l vièl per jir a pé e co la roda e la strèda per tor fora i paìjes de Ciampedel e Cianacei a na moda da tor fora l trafich. Tinultima se se augura che vegne enjignà n coleament con n impiant a fun anter Soraga e Poza – frazion de Sèn Jan».