News immediate,
non mediate!
Categoria news:
TURISMO & VIAGGI

APT GARDA DOLOMITI * “DIVINNOSIOLA“: RIGATTI, « ECCELLENZE ENOGASTRONOMICHE, GRAZIE ALLE DIVERSE TAPPE DEI DUE WEEKEND GLI OSPITI HANNO COMPIUTO UN “VIAGGIO NEL GUSTO“ »

Scritto da
15.50 - lunedì 11 aprile 2022

DiVinNosiola, che successo: grande affluenza nelle cantine della Valle dei Laghi. Il programma di visite guidate e degustazioni di Nosiola e Vino Santo Trentino DOC ha registrato una fortissima affluenza e grande soddisfazione da parte dei gestori delle strutture coinvolte che hanno accompagnato gli ospiti alla scoperta del patrimonio enologico del territorio

È stata un grandissimo successo l’undicesima edizione della kermesse enologica “DiVinNosiola: quando il vino si fa Santo”, l’evento dedicato alla Nosiola trentina e al Vino Santo Trentino DOC, che si è svolto nei due weekend tra giovedì 31 marzo e ieri, domenica 10 aprile. L’evento, che ha messo in scena oltre venti iniziative tra visite in cantina, trekking, menu a tema e taste&bike, ha attraversato la Valle dei Laghi e la città di Trento, registrando una fortissima partecipazione.

La manifestazione – organizzata da Consorzio Vini del Trentino, Ecomuseo della Valle dei Laghi, Strada del Vino e dei Sapori, Palazzo Roccabruna di Trento, Casa Caveau, Vignaioli del Trentino e Consorzio Valle dei Laghi, in collaborazione con Garda Dolomiti Azienda per il Turismo S.p.A. – è stata molto partecipata sia da parte del pubblico sia a livello mediatico, con la presenza di venti food&wine influencer, oltre a giornalisti e altri media di settore, volti a scoprire questa piccola eccellenza trentina (su ben 10.200 ettari totali di superficie vitata nel territorio provinciale, solo 60 ettari sono infatti dedicati alla Nosiola).

Le giornate di apertura dell’Enoteca provinciale del Trentino, dedicate alla valorizzazione del vitigno Nosiola, hanno accolto oltre 500 presenze di pubblico, offrendo circa 1.850 degustazioni di vino Trentino DOC/IGT Nosiola, di Trentino DOC Vino Santo e di Grappe del Trentino monovitigno di Nosiola. I laboratori di degustazione hanno inoltre registrato “il tutto esaurito” in tutte e tre le serate dedicate.

Sabato 9 aprile si è invece tenuto presso l’azienda Giovanni Poli a S. Massenza il rito della spremitura delle uve appassite della varietà Nosiola, l’appuntamento clou della manifestazione, anche questo sold-out. I partecipanti, non solo locali, ma anche provenienti dalle province di prossimità e con una buona componente straniera, hanno assistito a uno tra i momenti simbolicamente più importanti che segna il passaggio dalla fase di appassimento su appositi graticci (arèle) alla fase di vinificazione del Vino Santo.

Nello specifico, dopo un percorso trekking sui coltivi della Nosiola, i partecipanti hanno raggiunto la distilleria dell’azienda Poli dove il Gran Maestro della Confraternita della Vite e del Vino – l’associazione che ha lo scopo di sostenere le tradizioni vitivinicole trentine – ha utilizzato un piccolo torchio storico per spremere alcuni grappoli di uva Nosiola e raccogliere alcuni calici di mosto, dando così il via al processo di lavorazione del Vino Santo.

“L’evento ‘DivinNosiola’ è stato un’occasione unica per i visitatori desiderosi di scoprire e vivere un ambito turistico vastissimo come quello del Garda Trentino – ha commentato Silvio Rigatti, Presidente dell’APT Garda Dolomiti -. Grazie alle diverse tappe dei due weekend, gli ospiti hanno potuto compiere un vero e proprio ‘viaggio nel gusto’, visitando tanti luoghi e testare le nostre eccellenze enogastronomiche, che da sempre sono uno dei nostri fiori all’occhiello”.

 

Foto: Luca Riviera

Categoria news:
TURISMO & VIAGGI

I commenti sono chiusi.