VIDEONEWS & sponsored

(in )

ITALIA 1 – “ LE IENE “ * MANDELA FORUM (FI): « VACCINI AD “ AMICI, MOGLI E FIGLI ” E FIALE BUTTATE VIA »

MANDELA FORUM (FI): VACCINI AD “AMICI, MOGLI E FIGLI” E FIALE BUTTATE VIA.

FRANCESCO TORSELLI, CONSIGLIERE REGIONALE FDI:
“Ogni giorno avanzano diversi vaccini già preparati. Gli operatori chiamano gli amici, i parenti e volontari di altre associazioni che ricevono il vaccino. Quando sono finiti gli amici degli amici, quelli che avanzano vengono buttati via!”

DARIO NARDELLA, SINDACO DI FIRENZE:
“Un fatto del genere se confermato sarebbe anche un grave illecito”

FILIPPO ROMA CHE INCONTRA ALCUNI “FURBETTI DEI VACCINI” CHE AMMETTONO DI AVERLO RICEVUTO
Dosi avanzate di vaccino anti Covid agli “amici degli amici” oppure buttate via quando conoscenti a cui vengono somministrate sono terminati: testimonianze esclusive raccontano cosa succederebbe al Mandela Forum di Firenze, il centro vaccinale più importante della Toscana, mentre – in tutto il resto della Nazione – mancano i vaccini, e bisognerebbe dare la precedenza a chi ne ha più bisogno: over 80, medici, infermieri, volontari, persone con altre patologie. Il servizio di Filippo Roma e Marco Occhipinti, in onda stasera a Le Iene, in prima serata su Italia1.

Tra le dichiarazioni raccolte dall’inviato, la prima è di Francesco Torselli, un consigliere Regionale FdI che afferma: “Ogni giorno, siccome all’orario di chiusura avanzano diversi vaccini già preparati nelle siringhe che non possono essere ricongelati, succede che gli operatori che stanno all’interno a somministrarli chiamano gli amici, i parenti, altri volontari di altre associazioni e vengono portati dopo l’orario di chiusura del Mandela all’interno e ricevono il vaccino. Il dramma è un altro, che quando sono finiti gli amici degli amici, i vaccini che avanzano vengono buttati via!”.

Ma possibile che si somministrino vaccini agli amici degli amici dopo l’orario di chiusura e addirittura buttino dosi di vaccino avanzate?

La Iena incontra il primo cosiddetto “furbetto dei vaccini” anche se quest’ultimo in realtà ha semplicemente saltato la fila. Egli riferisce che quel giorno sarebbero avanzate una trentina di dosi di vaccini che a fine giornata sarebbero state buttate. Il motivo dello spreco, secondo lui, sembra essere questo: una volta preparata la dose del vaccino nella siringa, dopo un certo numero di ore, se non viene inoculato il farmaco non è più valido per la somministrazione.

Un secondo “furbetto” racconta: “All’inizio della scorsa settimana sono andato a fare il vaccino AstraZeneca perché contattato da uno dei nostri referenti che era all’interno perché stavano avanzando le dosi e quindi, se non l’avessimo fatte, le avrebbero buttate via”.

“Hai visto tante dosi di vaccino che stavano avanzando?” gli chiede Filippo Roma.

“Sì, nella bacinellina c’erano diverse siringhe. Sicuramente più di una decina, tieni conto che c’erano 19 box, quindi, se la matematica non è un’opinione, ovviamente, c’erano diversi vaccini avanzati”, risponde il “furbetto”.

“E i vaccini che alla fine non vengono somministrati a nessuno che fine fanno?”, continua l’inviato.

“A noi hanno detto che li buttavano, perché erano praticamente aperti dalla mattina e hanno una validità intorno alle 12 ore e di conseguenza purtroppo venivano smaltiti nei rifiuti speciali. Basterebbe un minimo di organizzazione in più, prevedere delle liste, diciamo di overbooking, per poter non buttare via questi vaccini”, conclude il ragazzo.

Un terzo “furbetto” ammette di essersi vaccinato, poi scappa a gambe levate.

A questo punto è il consigliere regionale Torselli ad entrare nel centro vaccinale per capire se anche i medici confermano quanto sembra stia succedendo: “Sono un consigliere regionale, sono venuto a vedere come funziona tutto” dice Torselli.

Rivolgendosi a lui, un medico esclama: “Se vuole la vacciniamo”

“Se mi vaccina, guardi, qualsiasi scelga lei la marca il modello…”, continua Torselli, che poi aggiunge: “No, no, ma lei è matto, domani vado in copertina sul Fatto Quotidiano!”.

“No, non va in copertina perché purtroppo stanno avanzando, quindi se vuole vaccinarsi io lo vaccino volentieri”, gli risponde il medico.
Ma Torselli conclude: “Non lo posso fare per un’etica, cioè vengo qui come consigliere regionale, sarebbe orribile”.

Eppure il sindaco di Firenze Dario Nardella fa un’ottima propaganda delle vaccinazioni al Mandela Forum: “Le vaccinazioni al Mandela Forum. È il centro più efficiente della Regione: nonostante gli scarsi rifornimenti, il sistema funziona e nessuna fiala viene sprecata”, scriveva solo poche ore fa attraverso un post sulla sua pagina Facebook.

A seguire le dichiarazioni rilasciate a Filippo Roma, che, per capire meglio come stanno le cose, l’ha incontrato:

Filippo Roma: Sindaco, volevamo informarla di una cosa.
Dario Nardella: Sì.
Filippo Roma: Lei ha scritto su un post…
Dario Nardella: Sì.
Filippo Roma: …Nessuna fiala viene sprecata.
Dario Nardella: Esatto.
Filippo Roma: Lei è sicurissimo che vada proprio così esattamente, 100%?
Dario Nardella: Beh, un sindaco si deve anche fidare di quello che i propri collaboratori responsabili gli dicono.
Filippo Roma: Perché sa che abbiamo scoperto?
Dario Nardella: Sì.
Filippo Roma: Che lì al Mandela Forum a fine turno i vaccini che avanzano vengono somministrati a volte ad amici degli amici che vengono chiamati all’ultimo, e i vaccini che proprio invece avanzano e basta vengono addirittura buttati.
Dario Nardella Guardi, se questa cosa è confermata è un fatto gravissimo, inaccettabile, e io ne parlerò oggi stesso con Prefetto, Questore, perché una cosa del genere in un periodo in cui le persone sono preoccupate, i vaccini non arrivano, perché è evidente che un fatto del genere se confermato sarebbe anche un grave illecito.
Filippo Roma: Un altro medico addirittura con il vaccino avanzato ha vaccinato la moglie.
Dario Nardella: Il modo peggiore per celebrare la “festa della donna” direi.
Filippo Roma: Ci dispiace avergliela un po’ rovinata.
Dario Nardella: Queste sono pratiche che non vanno bene, chiamare il parente, la moglie o il “coso” è assolutamente sbagliato, quindi io vi ringrazio perché quello che voi state facendo è un servizio alla comunità che ci permette di intervenire tempestivamente perché questo non avvenga più una pratica del genere è inaccettabile.
Filippo Roma: Sindaco, mi sa che gli tocca modificare il post a questo punto!
Dario Nardella: Ehhhh sì, ehhh bravo! Infatti oggi che avrò una diretta Facebook alle 17:30 lo dirò pubblicamente, proprio su Facebook dove ho messo quel post!
Filippo Roma: Grazie ancora!
Dario Nardella: Salve.