VIDEONEWS & sponsored

(in )

A.C TRENTO * CALCIO: « SABATO 24 LUGLIO L’AMICHEVOLE CONTRO IL PARMA, L’ATTACCANTE EMILIANO PATTARELLO RINNOVA E SARÀ ANCORA GIALLOBLÙ »

SABATO (ORE 17.30) IL TRENTO AFFRONTA A SAN MICHELE ALL’ADIGE IL PARMA PER IL PRIMO TEST MATCH. La sfida verra disputata a porte chiuse. Intanto l’attaccante Emiliano Pattarello rinnova e sarà ancora gialloblù.

Prima uscita ufficiale della stagione 2021 – 2022 per il Trento che, sabato pomeriggio (calcio d’inizio alle ore 17.30) presso il Centro Sportivo di San Michele all’Adige, affronterà in amichevole il Parma, formazione che sarà al via del prossimo campionato di serie B con il chiaro e univoco obiettivo di conquistare la promozione in serie A.

Per il tecnico Carmine Parlato sarà la prima occasione per vedere all’opera la squadra dopo una settimana di lavoro e cinque giorni di ritiro presso il Centro Sportivo di Masen di Giovo, durante i quali la truppa gialloblu si è allenata duramente, al ritmo di due sedute al giorno.

L’allenatore gialloblu non potrà disporre di Davide Galazzini, Victor Amadori e Tommaso Comper, tutti e tre in recupero dai rispettivi infortuni, mentre sarà a disposizione Emiliano Pattarello.
L’attaccante veneto, cresciuto nel settore giovanile del Bologna e arrivato in gialloblu lo scorso inverno, ha infatti rinnovato l’accordo con il Club e, dunque, vestirà la maglia del Trento anche nella stagione 2021 – 2022. Per lui sarà la terza avventura in serie C, dopo averla già affrontata con le maglie di Renate e Arzignano Valchiampo.
Il match si disputerà a porte chiuse e non sarà consentito l’accesso al Centro Sportivo di San Michele all’Adige. La sfida sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook ufficiale del Parma e condivisa anche dalla pagina Facebook ufficiale del nostro Club.

Per il Trento si tratterà di un test probante contro un’avversaria di gran spessore, guidata in panchina da Enzo Maresca, che annovera tra le proprie fila anche il “numero 1 dei numeri 1” di tutti i tempi, il portiere Gianluigi Buffon, tornato poche settimane or sono nella società che lo aveva lanciato in serie A e, da lì, verso una carriera con pochi eguali nella storia del calcio.