VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

WELFARE ANZIANI TRENTINO: UPT, POSITIVA LA POSIZIONE DI ZENI SU RSA

(Fonte: Upt, Gruppo consiliare Unione per il Trentino) – Rsa del Trentino: Positiva la posizione Dell’ Assessore Zeni.

Il Gruppo consiliare dell’Unione per il Trentino esprime soddisfazione per le dichiarazioni rilasciate dall’assessore alla Salute della Provincia Autonoma di Trento, Luca Zeni, riportate dai quotidiani locali di oggi e riguardanti la riforma del welfare anziani provinciale.

In particolare riteniamo davvero corretto e rispettoso delle Apsp trentine, dei rispettivi consigli di amministrazione e, soprattutto, delle comunità trentine toccate da tali prospettive che le Aziende per i Servizi alla Persona possano decidere di fondersi liberamente, senza che vi siano forzature dall’alto affinché questo avvenga.

Con questa scelta l’assessore Zeni e il Tavolo tecnico – che ringraziamo per l’attento e prezioso lavoro di confronto e pianificazione svolto – hanno sicuramente superato positivamente uno dei delicati passaggi della riforma che, ne siamo certi, potrà presto trovare compimento e per la quale come Gruppo consiliare continueremo a garantire, come del resto abbiamo sempre fatto, il nostro supporto e contributo costruttivo.

Venendo alle Rsa, universalmente conosciute da cittadine e cittadini trentini come Case di riposo, teniamo a ribadire come il loro prezioso ruolo vada preservato e, laddove possibile, migliorato, in pieno raccordo con le Comunità di Valle e con le Apsp, per continuare a dare vita a quel sistema del welfare di comunità capillare e fortemente sentito da ogni valle della nostra terra, sviluppatosi nei secoli e declinato secondo le sensibilità e i bisogni della popolazione, con il supporto delle istituzioni locali e provinciali.

Ad esempio, un passo positivo potrebbe essere quello, come abbiamo da sempre sostenuto, di aprire all’interno di ogni Comunità di Valle i Punti Unici di Accesso dove vagliare le varie necessità di assistenza.

Siamo certi, come sempre sostenuto anche all’intero del tavolo tecnico costituito nei mesi scorsi all’interno del nostro partito, che le Comunità di Valle e le Apsp potranno lavorare ancora e meglio affinché non l’accentramento bensì la promozione di percorsi di collaborazione e confronto, ad esempio con l’Azienda Sanitaria e il Terzo Settore (rafforzati proprio grazie al tavolo tecnico che proprio oggi si riunirà per decidere come procedere definitivamente sul tema fusioni di Apsp), vadano a stabilire una ancora più chiara governance dei processi di pianificazione e di erogazione dei servizi e il raggiungimento di “gestioni associate” di servizi da parte delle Apsp attraverso un deciso e convinto rilancio dei Punti Unici di Accesso, come già precedentemente espresso.

Case di Riposo, Apsp, Comunità di Valle e Provincia Autonoma di Trento, sono state in grado, lavorando negli anni al meglio, ognuna per la propria parte, di dare vita ad un sistema del welfare riconosciuto come uno dei migliori a livello europeo.

Ciò è stato possibile anche grazie alla capacità di ascoltare e recepire lo svolgersi della vita in montagna e capirne le peculiarità, rispondendo ai bisogni delle trentine e dei trentini e, spesso, anticipandoli, con una buona amministrazione e con lungimiranza. Giusto quindi continuare su questa strada.

 

 

*

cons. Gianpiero Passamani

cons. Pietro De Godenz

cons. Mario Tonina

 

 

 

Foto: archivio Consiglio Pat