News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

VALLO TOMO MORI: ITALIA NOSTRA TRENTO, PRESENTATA MOZIONE A TUTTE LE ISTITUZIONI

Scritto da
10.56 - giovedì 29 giugno 2017

(Fonte: Italia Nostra sezione Trentina) – In merito alla realizzazione del Vallo Tomo a Mori. Nella pubblica assemblea svoltasi a Mori il 9 maggio 2017, i tecnici della Protezione Civile della Provincia autonoma di Trento (ing. Cristofori, ing. De Vigili, geologo Nardin) hanno comunicato tra l’altro:

 

 

*

che il volume della roccia da demolire è stato ricalcolato in 1360 m3, quasi

triplicando il volume di 500 m3 precedentemente calcolato;

che si ribadiva l’intenzione di demolire il cosiddetto diedro con l’esplosivo per

concludere i lavori in minor tempo;

che non è stata prevista alcuna barriera a valle capace di ricevere il materiale

disgregato e di bloccarne la discesa, affidandosi alla sola capacità di rallentamento del bosco; e che se la frana indotta artificialmente dovesse coinvolgere le superstiti fratte, si provvederà a risarcire i danni.

 

 

**

Tutto ciò sinteticamente premesso, i presenti all’assemblea annuale della sezione trentina di Italia Nostra, svoltasi a Mori, sabato 10 giugno 2017, rivolgono le seguenti domande ai tecnici della Protezione Civile della Pat, che saranno inviate per conoscenza anche al sindaco di Mori e all’assessore provinciale competente in materia, nonché alle Autorità tenute a eseguire e a sovrintendere l’esecuzione di lavori, che interessano la pubblica sicurezza, la collettività, i beni pubblici, l’ambiente, il paesaggio e le proprietà private.

 

 

***

1. Perché il volume da demolire è passato da 500 a 1360 m3 senza alcuna dimostrazione della necessità di tale incremento? La dimensione è rilevante non solo sotto profilo paesaggistico ma anche sotto quello economico, dato che la demolizione costituisce la voce principale dell’importo a base d’asta.

2. Perché è stato ritenuto necessario accelerare l’intervento per mezzo dell’esplosivo? Dopo tanti anni (dal 2007) la somma urgenza non è invocabile: si proceda quindi con la necessaria calma e cautela allo scopo di evitare ulteriori danneggiamenti.

3. Perché non è stata prevista a valle una barriera capace di bloccare il materiale disgregato?

4. Per quale ragione s’intende sacrificare il bosco e i superstiti terrazzamenti sopra via Teatro? Non è sufficiente il danno già inferto all’ambiente e al paesaggio di Mori?

5. Quali risorse sono disponibili per risarcire i nuovi danni e da quale capitolo di bilancio saranno prelevate?

In attesa di vostre comunicazioni, si inviano cordiali saluti.

 

 

Il Consiglio Direttivo della sezione trentina.

 

 

 

 

In allegato la mozione contenuta nel comunicato stampa:
[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2017/06/Mozione-Vallo-tomo-di-Mori.pdf” title=”Mozione Vallo tomo di Mori”]

 

 

 

 

Foto: archivio Consiglio provinciale Pat

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.