VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

‘ UN GIORNO DA PECORA – RADIO1 ‘ * RIFIUTI, BERTOLASO: ” SALVINI SBAGLIA SU NUMERO TERMOVALORIZZATORI IN CAMPANIA, NE BASTANO DUE, VADA IN INGHILTERRA E NON A COPENAGHEN “

“Secondo Salvini in Campania serve un termovalizzatore per ogni provincia? E’ sbagliato, non ne servono così tanti, per la Campania ne bastano due”. A parlare è l’ex numero uno della Protezione Civile Guido Bertolaso, che oggi è stato ospite del programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora, condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari.

Quanto ci vorrebbe per costruire un termovalorizzatore come quello di Acerra? “C’è chi dice 5 0 6 anni, ma io ricordo che noi lo abbiamo realizzato in un anno”. Solo un anno? “Certo, se uno si mette lì, con le procedure giuste, facendo lavorare 24 su 3 turni, 8 ore al giorno ciascuno, a ciclo continuo, è come se si lavorasse tre anni in un solo anno”. Bertolaso ha poi citato un caso a suo avviso importante per comprendere il valore di questi impianti. “Guardiamo all’Inghilterra: visto che c’è la Brexit, gli inflesi hanno deciso di realizzare 140 termovalorizzatori nel suo territorio. Invece che andare a Copenaghen, insomma, Salvini potrebbe andare in Inghilterra…”. Ma Salvini è d’accordo con la realizzazione dei termovalorizzatori.

“Infatti forse dovrebbe andarci chi non è d’accordo: Di Maio, Fico ed altri…” Il dibattito è anche sulla possibilità che i termovalorizzatori facciano male a chi vive intorno a dove sorgono. Lei cosa ne pensa? “Faccio un esempio. La famiglia di Di Maio – ha detto Bertolaso a Un Giorno da Pecora – vive a Pomigliano d’Arco, circa 5 km in linea d’aria rispetto al termovalorizzatore di Acerra. Mi pare che nessuno di loro si sia mai ammalato di polmonite o di altri problemi, no?” Per controllare maggiormente l’area della Terra dei Fuochi ora il governo utilizzerà anche dei droni. Si tratta di una soluzione efficace a suo avviso? “Coi droni vedi quello che già si vede”. Dall’alto però il territorio si può controllare meglio. “Perché con l’elicottero ed una telecamera non si vede allo stesso modo? I droni hanno una suggestione diversa – ha concluso a Rai Radio1 . ma non mi pare sia quella la chiave di volta di quella che è una situazione drammatica”.