VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

UILTRASPORTI * SERVIZIO URBANO: PETROLLI, « GLI AUTISTI DI TRENTINO TRASPORTI SCAPPANO DA TRENTO PER TRASFERIRSI A ROVERETO, STANCHI DI PROMESSE ELETTORALI MAI CONCRETIZZATE »

Servizio Urbano di Trento, acquazzoni e ritardi, è sempre colpa dell’autista? Due giorni di acquazzoni estivi in Trentino e la viabilità subito ne ha risentito andando nel caos in diverse zone.

Trento, con la sua viabilità già piuttosto delicata, ha visto lunedì e martedì l’autostrada del Brennero e la tangenziale completamente bloccate con i veicoli alla ricerca di percorsi alternativi che, di conseguenza, bloccano l’intera città. Queste situazioni si verificano oramai quasi giornalmente e a risentirne sono, purtroppo, anche i nostri autobus.

I ritardi e la lentezza generale, comprensibilmente, si ripercuotono molto sull’ umore dei nostri cittadini che pretendono, tra l’altro, puntualità e mezzi pubblici non sovraffollati. Servono inderogabili scelte coraggiose da parte della politica, perché la scellerata scelta del risparmio ad ogni costo ci porta inevitabilmente a perdere quel presunto primato di eccellenza e funzionalità con cui il nostro territorio si fa bello.

Troppi progetti sulla viabilità, infatti, non hanno visto la luce e il traffico ormai è insostenibile. Aspetteremo l’inizio delle scuole per scaricare l’ennesima colpa sul trasporto pubblico, e in particolare sugli autisti?

Ci vogliono invece più corsie preferenziali e semafori intelligenti. Oltre a questo, si devono sistemare i turni di lavoro degli autisti che sono sempre sotto pressione. Le pause dei capolinea non sono sufficienti, i tempi di percorrenza sono fermi agli anni Ottanta.

Gli autisti di Trentino Trasporti, quindi, scappano dal servizio Urbano di Trento per trasferirsi a Rovereto o in altre località più tranquille, perché sono stufi di promesse elettorali, mai concretizzate, che – a differenza dei mezzi bloccati nel traffico – scorrono via come l’acqua.

 

*

Per la UILTRASPORTI del Trentino
Il segretario
Nicola Petrolli