News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

UIL SCUOLA – UIL FPL EELL – TRENTO * FINANZIARIA 2022: « L’ENNESIMO SMACCO, NULLA PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA E DEGLI ENTI LOCALI IN TRENTINO »

Scritto da
18.38 - mercoledì 03 novembre 2021

Sembra ufficiale la volontà provinciale di indirizzare le risorse per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego solo a partire dal 2022; quindi nulla per il dovuto riconoscimento del triennio 2019-2021.

È di oggi la presentazione della manovra finanziaria provinciale e già si capisce che le risorse aggiuntive che arriveranno dallo Stato non saranno destinate alle “partite sospese” come i rinnovi contrattuali ma saranno (ancora!) a beneficio dei “soliti noti” che criticano i dipendenti pubblici ma usufruiscono delle risorse provinciali tramite i vari finanziamenti destinati alle aziende e alle attività economiche.

Doppio quindi lo smacco: da un lato per il personale degli Enti Locali, che col suo lavoro materialmente consente alle aziende di fruire dei finanziamenti previsti ma che non beneficia nemmeno di un centesimo di tali risorse; dall’altro per il personale della Scuola che ha garantito in questi due anni un’ottima qualità dell’offerta formativa (i dati INVALSI sono a confermarlo), nonostante tutto.

Ancora una volta dimenticati gli impegni presi con il Protocollo sul rinnovo dei contratti di gennaio 2020, senza riscontro la richiesta di incontro del 29 ottobre u.s., avanzata dalle scriventi Organizzazioni Sindacali: sembrerebbe che al Presidente Fugatti non interessino le attività di 40.000 trentini che sono il motore del buon funzionamento della Pubblica Amministrazione e che resteranno ancora con lo stipendio fermo al 2018.

Dopo aver garantito il funzionamento del Trentino durante tutta la pandemia, questo è il ringraziamento che il nostro Presidente, nonché Assessore al personale, riserva alle lavoratrici e ai lavoratori della Provincia, dei Comuni e Comunità di Valle, delle APSP e della Scuola.
Un amaro risultato per tutte queste persone e relative famiglie che nel 2023, ricordiamo al Presidente, torneranno alle urne per valutare l’operato di questa Amministrazione.

UIL FPL EE.LL. e UIL Scuola non vogliono chiudere le porte: permane la fiducia nella possibilità di trovare un punto di accordo per l’avvio del confronto contrattuale.

Nel persistere di atteggiamenti che non tengano conto delle legittime aspettative del personale da noi rappresentato, saranno inevitabili azioni di mobilitazione in tutto il territorio. Non si vuole dimenticare, nel contempo, come il persistere del blocco contrattuale, in palese contrasto con le norme statutarie e con gli impegni formalizzati nel sopraccitato Protocollo, abbia sicuramente un profilo di illegittimità che sarà da noi eventualmente coltivato promuovendo opportune azioni.

 

*

Pietro Di Fiore – P UIL Scuola RUA

Marcella Tomasi – UIL FPL EE.LL.

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.