News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

UIL SCUOLA * CONGRESSO S. MICHELE ALL’ADIGE (TN) – 14/5/2022 : « ELETTO SEGRETARIO GENERALE DI FIORE, NELLA SEGRETERIA ANCHE MOTTER – TERRAGNOLO – PUGLIESE – VINCENZI »

Scritto da
15.12 - sabato 14 maggio 2022

Appena concluso, oggi 14 maggio, presso le Cantine Endrizzi in San Michele all’Adige, II Congresso Regionale Uil Scuola Rua. È stato un momento di confronto importante, presieduto dalla Dirigente Elina Massimo.

Il Congresso è, di fatto, stato aperto dal Segretario Nazionale Giancarlo Turi, che ha illustrato le notizia non buone sul Decreto legge Draghi su reclutamento e formazione.

Eletto il Consiglio Regionale della UIL Scuola, allegato elenco dei Consiglieri, il Congresso ha approvato una mozione di impegni, che alleghiamo.

Al termine del Congresso si è riunito il Consiglio regionale che ha eletto Pietro DI Fiore, segretario generale della UIL SCUOLA RUA.
Altri componenti della segreteria regionale saranno:
Monica Motter (con funzione vicaria)
Giovanna Terragnolo (con funzione organizzativa)
Marco Pugliese (responsabile territoriale Bolzano)
Maddalena Vincenzi (segretaria regionale)

 

*

Mozione finale

UIL Scuola RUA – Trentino Alto Adige Südtirol affronta la scadenza del Congresso Nazionale come sindacato che rappresenta Insegnanti, Dirigenti, ATA-AE e il personale dell’Università – Ricerca e Alta formazione nel contesto e in relazione alle necessità dettate dall’autonomia speciale di cui sono dotate le province Autonome di Bolzano e di Trento. Per questo la posizione del nostro sindacato, saldamente all’interno di quella del Sindacato Nazionale, aggiunge alcuni elementi che gli sono caratteristici e che hanno segnato la sua esperienza e la sua fisionomia. L’Autonomia “politica” Speciale, che si traduce in autonomia legislativa, ed in parte contrattuale, di cui sono dotate le Province di Bolzano e di Trento, pone in primo piano il tema del rapporto con l’autonomia scolastica, protetta dalla Carta Costituzionale, che è didattica – organizzativa – funzionale. Un rapporto estremamente difficile, quello tra l’autonomia politica e l’autonomia scolastica, che necessita di particolari tutele in favore di quest’ultima.

Troppo spesso la necessità di ribadire le motivazioni che pongono tutela all’autonomia speciale, magari offuscando le istanze storiche che l’hanno generata, hanno prodotto non poche interferenze con l’autonomia delle istituzioni scolastiche. Senza voler sottacere i diversi preoccupanti e continui condizionamenti subiti sulle scelte culturali che fanno della scuola il luogo del pluralismo e del dibattito. Più di un intervento legislativo locale sembra dettato dalla vocazione di distinguersi in nome di una identità quanto mai indefinita, anziché saldare le ragioni della Specialità ad una particolare attenzione alla trasparente, efficace ed efficiente gestione delle risorse.

Le piccole dimensioni territoriali, le pur sempre cospicue disponibilità della finanza pubblica, il sistema scuola costruito dalle normative provinciali, continuano a condizionare la creatività e la ricerca autonoma di modelli e di comportamenti.

 

Per questi motivi la UIL Scuola – Trentino Alto Adige Südtirol ripropone i propri fondamenti sui seguenti punti:

  • scuola della Costituzione, funzione dello Stato;
  • impostazione laica dei valori costituzionali;
  • sistema nazionale dell’istruzione nella prospettiva di una sempre maggiore integrazione europea;
  • imparzialità, efficacia ed efficienza della Pubblica Amministrazione.

 

L’assemblea dei Delegati al 2° Congresso Regionale approva pertanto i seguenti punti programmatici nei quali individua l’azione a cui la UIL Scuola del Trentino Alto Adige Südtirol dovrà fare riferimento:

  1. autonomia dai partiti politici, riconoscendo unicamente ai propri Organi Statutari la funzione di elaborare e definire gli obiettivi e le linee di comportamento;
  2. difesa della Scuola pubblica e laica, come delineata dalla Carta Costituzionale;
  3. tutela dell’autonomia scolastica rispetto al predominio ed alle ingerenze del governo della politica locale. Difesa delle prerogative degli organi di autogoverno della scuola in quanto soggetti di competenze professionali e di pluralismo della scuola e nella scuola;
  4. rilancio di una stagione sindacale improntata alla ripresa della contrattazione decentrata provinciale e di Istituto, strumento importante per valorizzare le professionalità e implementare la qualità della scuola. Si riparta dal lavoro d’aula e dalla sburocratizzazione;
  5. partecipazione democratica delle iscritte e degli iscritti alle scelte, attraverso un modello di organizzazione territoriale diffusa, come vera risorsa per raccogliere le sfide imposte dal cambiamento e dalla modernità. In assenza di partecipazione e collegialità, non restano che involuzioni oligarchiche;
  6. promozione di iniziative culturali, anche sostenendo l’IRASE-TAAS in quanto Ente regionale erogatore di formazione della UIL Scuola RUA.
Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.