News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

TRENTINO AUTONOMISTA LIBERO * VETTORE (SEGRETARIO POLITICO): « “POLITICA A DOMICILIO”, PRESENTI NELLE PIAZZE E VIE DEI PAESI TRENTINI CON GAZEBO COME “PUNTI DI ASCOLTO »

Scritto da
10.03 - venerdì 18 marzo 2022

T.A.L. “la politica a domicilio” Il l 10 febbraio 2022, con regolare atto notarile, nasce il partito politico “Trentino Autonomista Libero” (T.A.L.).

Il T.A.L. nasce da un gruppo di persone di varia estrazione sociale e politica con l’idea comune di dare voce ai cittadini del Trentino, di essere vicini quanto possibile alle persone ed ai loro problemi e quindi diventare un punto di riferimento sul territorio.

“siamo nati, liberi e senza vincoli partitocratici, solo per ascoltare e cercare, se possibile, di risolvere i bisogni dei trentini”.

Ecco quindi il lancio di una nuova idea di politica e non a caso il partito è stato chiamato Trentino Autonomista Libero; Trentino per indicare il territorio, Autonomista perché risulta prioritario il mantenimento e la difesa di quel bene prezioso chiamato autonomia nella possibilità anche di migliorarla, Libero perché operante solo sul territorio trentino senza vincoli e diktat dei partiti nazionali e romanocentrici che risultano troppe volte lontani dalla realtà e quindi dai problemi della nostra Provincia ed in particolar modo delle nostre Valli.

Troppo spesso assistiamo inermi ai giochi di questi partiti che, oltre a non avere una visione corretta del nostro territorio, troppo spesso dedicano il loro tempo a discutere di questioni nazionali e interne ai loro schieramenti sfociando spesso in inutili e sterili guerre di potere e quindi dimenticandosi dei problemi reali del territorio dove sono stati eletti.

Ecco l’impegno civile e moderato di persone votate alla “politica a domicilio”, presenti quasi tutti giorni sulle piazze e vie dei paesi trentini con gazebo utilizzati come “punti di ascolto” per capire e cercare di risolvere i problemi del territorio. Nei primi 15 giorni di vita operativa del partito, dopo i disbrighi burocratici e logistici la prima assemblea ha scaturito i nomi del Presidente Albino Wegher e del Segretario politico Adriano Vettore, per poi nominare le cariche interne al direttivo che ad oggi risulta completo diVicepresidente, Segretario organizzativo, tesoriere, addetto alle comunicazioni, coordinatori territoriali.

Sempre nelle prime due settimane di vita operativa del T.A.L. sono state portate sul territorio oltre 10 presenze con i gazebo a disposizione del T.A.L. con un grande riscontro da parte della gente a cui è stata data spiegazione del perché della nascita del T.A.L “siamo al centro degli interessi dei trentini, dobbiamo ascoltarli”.

Da qui nascono le prime argomentazioni suggeriteci dalla gente:

 

ENERGIA/AMBIENTE:

distribuzione a costo agevolato dell’energia prodotta in trentino. La forza dell’acqua dei nostri fiumi e dei nostri torrenti per produrre energia elettrica pulita, senza impatto ambientale, soprattutto

vantaggiosa nel contenimento dei costi dettati dalle spese di manutenzione e funzionamento. Implementazione di tutte le forme “green” di risparmio energetico.
Tutela del territorio, specie nelle Valli.

 

LAVORO:
– come in Alto Adige, contributo spese ai lavoratori pendolari;
– aiuto all’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro con priorità ai residenti in Trentino;
– implementazione aiuti alle donne lavoratrici.

 

DISABILITA’:
maggiore sostegno al mondo della disabilità da sempre troppo poco ascoltato, con particolare attenzione alle famiglie, al mondo scolastico, all’abbattimento delle barriere architettoniche;

 

SANITA’:
gli ospedali periferici devono diventare specialistici per offrire cure e terapie di alto profilo;
attirare specializzati negli ospedali di valle mediante incentivi e strutture collegate agli atenei.

 

OPERE PUBBLICHE ED APPALTI:
viabilità (molti hanno chiesto un’alternativa alla congestione del traffico di Rovereto, manutenzione stradale;
priorità negli appalti pubblici alle ditte-aziende presenti sul territorio;

 

ISTRUZIONE:
e’ opportuno che i programmi scolastici vengano emanati dalla Provincia Autonoma, al fine di fornire un indirizzo consono con lo sviluppo del nostro territorio in un’ottica futura. Da qui un maggiore coinvolgimento gia’ dalla scuola primaria dell’insegnamento delle lingue straniere, estremamente utili per una Provincia dove il Turismo e’ una delle voci primarie del nostro Pil.

 

TURISMO:
E’ necessario lavorare per portare in Trentino un turismo di qualità, che meritano i nostri luoghi incantevoli. A tal proposito e’ indispensabile una profonda riforma delle APT presenti nel territorio

 

COMMERCIO/TERZIARIO:
creare nelle valli forme di associazionismo e di cooperazione a cui rivolgersi. Quelle esistenti non sono idonee. Il supporto alle categorie è quasi inesistente. Le chiusure e le difficoltà lasciano quasi indifferenti. Bisogna ricordarsi che nelle valli supportano il turismo ma anche i residenti tutto l’anno e sono parte importantissima del tessuto sociale.

 

ASSOCIAZIONISMO/VOLONTARIATO:
fiore all’occhiello del Trentino deve diventare ancor più un vanto a livello nazionale ed internazionale e quindi supportato con la massima attenzione in tutte le forme possibili.

 

IDENTITA’ E CULTURA TRENTINA:
cercare di trasmettere cultura, tradizioni, dialetti e lingue parlate nel Trentino, anche mediante l’aiuto scolastico e l’incentivazione alle Associazioni presenti sul territorio.

 

L’AGRICOLTURA:
Serve per questo comparto una migliore efficacia nelle filiere di produzione, lavorazione e commercializzazione, sia verso i grossisti che verso i dettaglianti. Essere attivi con la sperimentazione sul campo dei produttori e contestualmente potenziare l’attenzione alla massima cura della api, e’ una pratica irrinunciabile per il futuro agricolo sostenibile, questo senza rinunciare del tutto ai prodotti di “sintesi”. Con la produzione biologica occorre una seria analisi del rapporto costi/benefici. Occorre favorire la stipula di accordi commerciali tra le organizzazioni produttori regionali, con un confronto “paritario” sui costi alla produzione e prezzi di vendita alla grande distribuzione organizzata nazionale ed estera.

Queste sono solo alcune delle proposte e tante ancora ce ne sarebbero per migliorarci. Per noi è solo l’inizio di una sfida che porteremo avanti con umiltà e coraggio, consapevoli della forza delle nostre proposte.

“Libero è solamente colui che può disporre della propria libertà e la forza di un Popolo si commisura al benessere dei più deboli”

Viva il Trentino

 

*

Adriano Vettore

Segretario Politico

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.