News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

SINISTRA ITALIANA – TRENTINO * CIRCONVALLAZIONE TRENI: « L’OSSERVATORIO VALUTI I PERICOLI DEL PASSAGGIO DI MATERIALE, NEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE EX SLOI – EX CARBOCHIMICA »

Scritto da
12.36 - martedì 25 gennaio 2022

Apprendiamo che anche “l’Amministrazione comunale, raccogliendo le sollecitazioni di cittadini, associazioni e Circoscrizioni, ha elaborato alcune proposte per superare le criticità emerse durante il Dibattito pubblico sul progetto della circonvallazione ferroviaria. Già condivise e discusse con RFI, queste osservazioni saranno portate nella Conferenza dei servizi.…”

A noi non resta che sperare che in Conferenza dei servizi, gli enti preposti a dare un parere sappiano individuare le criticità che ancora permangono e fermare questo progetto di fattibilità (che quindi ha ancora altre due fasi da superare), fino a quando non saprà rispondente a criteri di sostenibilità e salute ambientali.

Se pure possiamo apprezzare gli sforzi fatti per venire incontro alla popolazione, ci sembra che gli interventi proposti siano del tutto insufficienti e talvolta anche velleitari. 

Lo sono il prolungamento della galleria artificiale di soli 150 metri, quando la richiesta era quella di continuare fino a dopo l’abitato di Gardolo, per evitare che cittadine/i della stessa città avessero trattamenti diversi.

Lo è, analogamente, la realizzazione delle collinetta verde progettata per coprire il tratto di linea a nord del viadotto Canova, per circa 400 metri, che “maschera” appunto ma non risolve il problema.

Lo è infine “la predisposizione dei “cameroni” nella parte nord della galleria Trento, …, per permettere il proseguimento del tunnel ferroviario in direzione nord verso Salorno”,  ben sapendo che la continuazione a nord, ma anche a sud, della circonvallazione di Trento, se davvero avverrà, avverrà comunque in un tempo che va nell’ordine dei decenni. 

In conclusione, arriva la dichiarazione che “la Giunta Comunale, in collaborazione con la Provincia e Rfi, intende costituire in tempi rapidi l’Osservatorio per l’ambiente e la sicurezza…”

Auspichiamo che l’Osservatorio sia in grado di valutare a fondo i pericoli derivanti dal passaggio e dallo stoccaggio di materiale nei terreni del Sito di Interesse Nazionale ex-Sloi – ex-Carbochimica e voglia opporsi ad un DDL dello scorso giugno che consente a RFI la bonifica di parte dei terreni, contravvenendo ad una decisione del TAR del 2013 che sanciva che la bonifica dovesse essere completa e svolta contestualmente per tutti i lotti interessati. 

Di certo Sinistra Italiana continuerà l’analisi e lo studio per individuare risposte che siano davvero in linea con la transizione ecologica, che il PNRR pone come requisito principale all’erogazione di fondi, e con il rispetto della nostra città e di chi la abita. 

 

*

Assemblea Provinciale di Sinistra Italiana del Trentino

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.