News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

SINISTRA ITALIANA * SINDACA CRISTINA SANTI: « LE MINACCE RIVOLTE AD UN CITTADINO SONO LESIVE DI DIRITTI COSTITUZIONALI »

Scritto da
11.31 - giovedì 20 gennaio 2022

L’Assemblea Provinciale di Sinistra Italiana del Trentino interviene sulle minacce rivolte ad un cittadino dalla Sindaca Cristina Santi, lesive di diritti costituzionali.

La Sindaca di Riva del Garda, Cristina Santi, ha pubblicamente minacciato di querelare un cittadino che ha esposto dubbi e perplessità sulla realizzazione di un parcheggio sotto l’area dell’ex-cimitero della città e ha dichiarato la volontà dell’amministrazione di riservarsi di “chiedere i danni” a chi osteggerà o ritarderà l’esecuzione dell’opera.

Si tratta di un’opera fortemente contestata dal comitato “Parco della Libertà” e per la quale erano state presentate interrogazioni da un gruppo di parlamentari del Partito Democratico e dalla senatrice Loredana De Petris, ottenendo, inizialmente, che il progetto non fosse ammesso a contributo.
All’ultimo momento, però, la Sindaca aveva chiesto ed ottenuto che il progetto fosse inserito tra le centinaia di opere pubbliche ammesse nel PNRR, sostenendo rispondesse a criteri di transizione ecologica.

Il progetto Ettaro Verde sembrerebbe migliorare l’attuale situazione di una zona metà parcheggio e metà parco pubblico, sostituendola con un parcheggio interrato, sovrastato da un parco pubblico con camminamenti, spazi per eventi e uno stagno. In realtà, il progetto crea un parcheggio di attestamento in zona non precisamente periferica, aumenta in maniera consistente il numero di stalli e di conseguenza il traffico in una zona centrale circondata da abitazioni e scuole e prevede una massiccia colata di cemento, mimetizzata da intervento di riqualificazione urbana per via della copertura verde, che costerà l’abbattimento di molti cipressi centenari e la chiusura dell’attuale Parco della Libertà, testimonianza dei partigiani rivani morti per la libertà.

Davanti ad una simile situazione è legittimo che nascano delle perplessità ed è altamente democratico avvalersi del diritto, sancito dalla Costituzione, di esprimersi sulle questioni pubbliche, un diritto che l’amministrazione dovrebbe favorire con processi partecipativi e consultivi.
Sinistra Italiana del Trentino chiede quindi alla Sindaca di ritirare le minacce di azione legale, che proprio in quanto minacce potrebbero costituire reato, e di scusarsi per affermazioni che cozzano con i dettami della Costituzione, sulla quale ha giurato nell’assunzione del suo ruolo istituzionale.

 

*

Assemblea Provinciale di Sinistra Italiana del Trentino

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.