News immediate,
non mediate!

RIFORMA AZIENDE PUBBLICHE: VIOLA, LA DEMOCRAZIA TROVI SINTESI TRA GLI INTERESSI

Scritto da
16:35 - 8/02/2017

(Fonte: Walter Viola) – Confesso che il modo in cui si sta svolgendo la vicenda della riforma delle Aziende Pubbliche di Servizi alla Persona mi lascia sconcertato. I contenuti di questo che rappresenta un passaggio fondamentale per lo sviluppo del welfare della nostra Provincia, da quanto si vede, sembrano appartenere poco alla maggioranza e quasi solamente al Pd. Anzi, a una parte del Partito democratico. Lo stile dell’assessore Zeni sembra essere quello renziano; quello della cosiddetta democrazia decidente che, è sotto gli occhi di tutti, ha creato guai su guai prima di tutto al Paese e, alla prova dei fatti, di tanti fatti, allo stesso Renzi. Per questo voglio sperare, anzi auspico, che questa complessa riforma sia sottoposta all’esame della Quarta commissione quanto prima e che la nuova legge nasca da un confronto con e tra i soggetti interessati e le forze politiche.

Il problema non è quello di fare le cose in fretta, non è quello di andare veloci, come recitava uno slogan del Pd di pochi mesi fa ma già invecchiato, ma di farle bene. Vero, non è bello auto citarsi, ma la recente legge sulle cave, che porta la firma di Olivi e mia ma che appartiene anche a chi ha partecipato al dibattito e alla mediazione, è stata un esempio di come la pazienza, la capacità politica di trovare punti di equilibrio, possa dare buoni risultati. Del resto, mi permetto di ricordare a Zeni, la democrazia è questo: la costante faticosa ricerca di trovare sintesi tra gli interessi. Infine, mi chiedo che senso abbia l’autonomia se le discussioni su capitoli importantissimi della vita sociale rimangono confinati all’interno di apparati e correnti di partito, invece che nascere dal confronto nelle istituzioni.

 

Cons. Walter Viola

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.