News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

RIFONDAZIONE COMUNISTA – TRENTINO * MANIFESTAZIONE CONTRO LA GUERRA: « APPUNTAMENTO A TRENTO IN PIAZZA S. MARIA, IL 4 MARZO DALLE 17.30 »

Scritto da
18.36 - giovedì 03 marzo 2022

VENERDI’ 4 MARZO A TRENTO IN PIAZZA S. MARIA A PARTIRE DALLE ORE 17.30 SI TERRÀ UNA MANIFESTAZIONE INDETTA DA UN GRUPPO DI CITTADINE E CITTADINI CONTRO LA GUERRA.

Bisogna essere in tante/i per respingere l’isteria bellicista e chiedere che si riprenda la via della soluzione pacifica del conflitto.

Manifesteremo contro Putin e contro la NATO.

Manifesteremo come avrebbero fatto Lidia Menapace e Gino Strada per chiedere di fermare la guerra.

Manifesteremo contro la scelta del governo Draghi e del parlamento italiano di farci entrare in guerra inviando armi in violazione dell’articolo 11 della Costituzione.

Manifesteremo contro i guerrafondai come fanno i manifestanti pacifisti in Russia.

Non ci facciamo arruolare e mettere l’elmetto in testa. Chi invia armi non vuole aiutare gli ucraini, ma usarli per lo scontro in atto da anni con la Russia di Putin.

La condanna dell’invasione non ci impedisce di vedere che la NATO ha deciso di portare avanti una guerra per procura contro la Russia, in cui gli ucraini sono e saranno carne da macello.

Trasformare l’Ucraina in un nuovo Afghanistan al centro dell’Europa è un progetto criminale quanto quello di chi ha invaso un paese sovrano in nome di una nazionalismo revanscista.

Questa guerra è nata proprio perché si è abbandonata la via della pace che era stata delineata con gli accordi di Minsk che prevedevano il riconoscimento dell’autonomia delle regioni russe del Donbass in un’Ucraina neutrale.

Chi oggi mobilita i sentimenti di solidarietà verso un popolo aggredito per 8 anni ha taciuto sulla guerra costata 14.000 vittime dei nazionalisti ucraini contro le repubbliche del Donbass.

Manifesteremo per dire basta ai signori della guerra e al riarmo, per fermare una deriva che rischia di portarci alla terza guerra mondiale.

*

Giuliano Pantano

Segretario provinciale PRC Trento

 

*

NE’ CON LA VOSTRA GUERRA, NE’ CON LA VOSTRA PACE!

A tutte e tutti
la scorsa settimana abbiamo manifestato la nostra opposizione a questa guerra venerdì in piazza Duomo e sabato davanti al Commisariato del Governo. Abbiamo deciso di incontrarci nuovamente per manifestare, confrontarci, discutere venerdì prossimo 4 marzo alle ore 17.30 in piazza Santa Maria per organizzarci e rinnovare l’impegno della grande esperienza di lotta dei movimenti contro la guerra, per il disarmo, contro la NATO, per la pace e la giustizia sociale e ambientale.

Questo impegno non è più moralmente e culturalmente rinviabile.

Giustizia sociale è dire no alla guerra dei ricchi contro i poveri, è impegno e lotta contro gli imperialismi di ogni paese, statunitense, europeo e russo che siano, e la loro tendenza alla guerra!

Noi stiamo con chi sta in basso perché siamo oppressi e sfruttati, stiamo con chi la guerra la subisce e non con chi la determina, siamo e stiamo con lavoratori, disoccupati, precari, studenti poveri, pensionati poveri.

Accoglienza degna, casa, lavoro, sostegno per tutte e tutti quelli che da questa guerra, e da tutte le altre guerre, si stanno mettendo in salvo.
Il governo italiano, tradendo l’articolo 11 della Costituzione “l’Italia ripudia la guerra!”, stanzia 50 milioni di euro per armamenti da inviare in Ucraina, che si sommano ai 12 già stanziati che servivano per fornire sistemi di difesa “non letali”, oltre all’invio di 1400 militari appartenenti ai corpi speciali.

Né un soldato, né un euro per questa guerra del grande capitale contro l’umanità!

Il nemico é in casa nostra: si chiama NATO e industria bellica!
Fuori la Nato dall’Italia, fuori l’Italia dalla Nato!

No alle nuove e micidiali bombe atomiche statunitensi B61-12 che verranno installate presto in Italia!

Un futuro di giustizia e libertà, di pace per tutte e tutti è indispensabile.

 

VENERDI’ 4 MARZO ORE 17.30
PIAZZA SANTA MARIA, TRENTO

 

Cittadine e cittadini contro la guerra

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.