RCC * MULÈ (FI): ” L’UNICO COLLANTE DEL GOVERNO È QUELLO DI STARE SEDUTI SULLE POLTRONE E OCCUPARE TUTTO, PER I GRILLINI È UNO SPORT NUOVO E GLI PIACE “

Mulè (FI): “L’unico collante del governo è quello di stare seduti sulle poltrone e occupare tutto, per i grillini è uno sport nuovo e gli piace. Diversi amici della Lega mi dicono che fanno fatica a tenere buoni i propri elettori perché i grillini sono superficiali, vuol dire che a breve il governo imploderà. Toti? Invece di andare da altre parti potrebbe frequentare di più casa sua… Confrontiamoci, ma senza il ditino alzato, stringiamoci la mano perché se no non va bene”

Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta da Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulle tensioni nella maggioranza di governo. “Quando ci finisci sopra alle poltrone è molto difficile alzarsi e andare via –ha affermato Mulè-. Che senso ha questo governo in cui Lega e 5 Stelle la pensano diversamente su tutto? L’unico collante è quello di stare seduti sulle poltrone e occupare occupare, ieri si sono presi la Rai. Nulla di nuovo sotto il sole, ma per i grillini è uno sport nuovo. Come gli piace ai ragazzi!”

Sull’ultimatum di Berlusconi a Salvini. “Se tu vieni meno alle promesse che hai fatto agli elettori della coalizione di centrodestra e lo fai convintamente, vuol dire che vieni meno a un giuramento di lealtà nei confronti degli elettori –ha dichiarato Mulè-. E allora non rappresenti più il centrodestra. Se la flat tax diventa flop tax e fai il reddito di cittadinanza, vuol dire che non stai facendo nulla delle politiche di centrodestra. C’è il dl sicurezza, ma è tutto minoritario. Questo governo non si ricorderà per il dl sicurezza, si ricorderà per il reddito di cittadinanza”.

Sul reddito di cittadinanza. “Quei soldi sono una cambiale politica che i 5 Stelle devono dare. Butteranno 10 miliardi e porteranno il Paese a sbattere -ha affermato Mulè-. Ieri ho letto una cosa pericolosissima nella manovra. Una tassa nuova per la pesca sportiva da 10 a 100 euro. Non vorrei fosse vero, perché vorrebbe dire che si sono ridotti a tassare i pescatori della domenica per fare cassa. E’ un governo ancorato al concetto di gabelle, gabelline, tasse, tassettine, ma questo non doveva essere il governo del cambiamento?”

Su Forza Italia. “Molti dicono che siamo al 6%, ma ieri un sondaggio di Tecnè dice che Forza Italia ha l’11%, con un calo dei 5 Stelle vistoso –ha dichiarato Mulè-. Io quello che vedo è un Paese che sta aprendo gli occhi perché sta vedendo quello che sta succedendo, cioè che il programma del centrodestra è stato tradito. I primi che devono stare attenti sono gli amici della Lega perché gli elettori del nord e del centro gli presenteranno il conto, quando dai 780 ai rom o a chi sta sul divano. Il cantiere di Forza Italia è già aperto, è un procedimento di rinnovamento iniziato già prima dell’estate. Toti? Nella sua agenda, invece di andare da altre parti potrebbe frequentare di più casa sua. Confrontiamoci, ma senza il ditino alzato, stringiamoci la mano perché se no non va bene”.

Sulla Lega. “Diversi amici della Lega mi dicono: questi dei 5 stelle sono superficiali e che loro sono costretti a ingoiare il rospo. E poi mi dicono: i nostri comincio a fare fatica a tenerli. Quando dicono così vuol dire che la barca inizia a fare acqua. Il governo imploderà e andranno a gambe all’aria”.