VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

RACCOLTA FIRME PARTO INDOLORE: MEETUP 5 STELLE ROVERETO, NO PRIVILEGIO DI POCHE

(Fonte: M5S del Trentino) – Raccolta firme per il parto indolore: non deve essere un privilegio per poche donne.

Il M5s organizza una raccolta firme a favore dell’attivazione del parto indolore anche a Rovereto. lnfatti il Meetup 5 Stelle Rovereto sarà presente con il suo gazebo nei seguenti giorni:

 

– Sabato 10 Giugno dalle 15:30 alle 18:30, via Mazzini angolo via delle scuole.

– Sabato 17 Giugno dalle 15:30 alle 18:30, via Dante angolo via Garibaldi.

– Sabato 24 Giugno dalle 15:30 alle 18:30, via Mazzini angolo via delle scuole.

 

La mobilitazione del M5s è dovuta all’assenza dell’analgesia epidurale per le donne che si rivolgono all’ospedale di Rovereto. Attualmente questo è possibile solo a Cles e quest’anno forse anche a Trento.

Questa situazione porta a una ulteriore discriminazione delle partorienti della nostra Provincia.
Infatti il parto è, o dovrebbe essere, la cosa più naturale del mondo, ma il dolore viene vissuto in maniera differente.

Parlare di parto significa parlare di dolore, dolore fisico che accompagna la donna fin dalla notte dei tempi. Se fino a poco tempo fa era scontato che la donna dovesse patire i dolori del travaglio e del parto ora c’è la possibilità di scegliere di partorire in analgesia. Se per alcune i dolori del parto sono il significato stesso del dare alla luce, altre rinuncerebbero volentieri allo strazio.

L‘anestesia epidurale viene eseguita da un medico anestesista esperto in questa tecnica.
Quindi, dato che la medicina ci offre questa possibilità, perché ne possono beneficiare solo alcune donne in Trentino? Unico ospedale in Trentino attualmente a garantirla è Cles. L’assessore Zeni ha annunciato che per il 2017 l’epidurale sarà attivata anche all’ospedale S.Chiara a Trento ma non si pensa minimamente a Rovereto.

Per questo motivo è necessario che i cittadini si attivino per ottenere il parto indolore in tempi rapidi anche all’ospedale di Rovereto, ricordando all’assessore Zeni, al direttore Bordon e al Presidente Rossi che in Trentino non esistono donne di serie A e di serie B.

 

 

*

Meetup 5 stelle Rovereto