VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO * GREEN PASS: « DA GIORNI STIAMO CHIEDENDO AL GOVERNO UN CHIARIMENTO SUI SERVIZI DI COLAZIONE, PRANZO E CENA PER I CLIENTI DEGLI ALBERGHI »

Green pass, l’assessore Failoni chiede chiarezza per chi soggiorna negli alberghi. Oggi la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

Un chiarimento al Governo sull’applicazione del Green pass all’interno delle strutture alberghiere è stato chiesto oggi dall’assessore provinciale al turismo, Roberto Failoni, nel corso della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome che si è riunita in mattinata.

“Il 6 agosto – ha detto l’assessore – entrano in vigore le nuove misure legate alla certificazione verde e l’interpretazione sull’applicazione del green pass per chi soggiorna in albergo non è ancora stata definita con certezza.

Da giorni stiamo chiedendo al Governo un chiarimento sui servizi di colazione, pranzo e cena per i clienti degli alberghi, ovvero se questo comporti l’utilizzo o meno del Green pass. Noi siamo convinti – ha spiegato Failoni – che il trattamento di B&B, mezza pensione e pensione completa siano servizi annessi e complementari a quello principale del pernottamento e che pertanto non debba essere richiesto il Green pass per l’accesso a queste attività, anche al chiuso.

Il Decreto n. 105 sul tema non è chiarissimo, sebbene negli ultimi giorni sia avanzata questa interpretazione da più parti. Riteniamo quindi opportuno, quanto prima, un chiarimento da parte Governo su questo tema – anche tramite FAQ – al fine di sciogliere ogni dubbio al riguardo.

Domani mattina a Roma ci sarà una cabina di regia che deciderà sui vari aspetti ancora poco chiari legati all’applicazione del Green pass – aggiunge l’assessore Roberto Failoni – e auspichiamo che si parli anche di questo tema, come nelle intenzioni del ministro al turismo, Massimo Garavaglia, altrimenti, – aggiunge – come Provincia autonoma di Trento siamo pronti ad intervenire con un’ordinanza che sposi questa interpretazione. Siamo nel mese più importante della stagione e ogni incertezza danneggia il turismo. Non possiamo permettercelo”.