VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

PRESIDENZA CONSIGLIO REGIONALE TRENTINO ALTO ADIGE * INCONTRO VESCOVO MUSER E ARCIVESCOVO TISI: PACCHER, « LE RADICI CRISTIANE DELLA NOSTRA REGIONE UN COLLANTE DELLA NOSTRA COMUNITÀ »

“Le radici cristiane e cattoliche della nostra Regione sono un collante della nostra Comunità”. Il Presidente Paccher dopo l’incontro con il Vescovo di Bolzano e Bressanone, Mons. Ivo Muser e l’Arcivescovo di Trento, Mons. Lauro Tisi.

“Le radici cristiane e cattoliche sono il collante della nostra terra e appartengono alla storia e alla cultura di tutta la popolazione trentina e altoatesina. Il dialogo tra le Istituzioni e la Chiesa è sempre costruttivo per la nostra Comunità che in essa può ritrovare quei valori che da sempre appartengono alla nostra gente”. Così il Presidente del Consiglio regionale, Roberto Paccher, che ha avuto modo di incontrare, separatamente, il Vescovo di Bolzano, Mons. Ivo Muser e l’Arcivescovo di Trento, Mons. Lauro Tisi e di portare loro il saluto dell’intera assemblea consiliare. In entrambe le occasioni, si è trattato di un colloquio informale di reciproca conoscenza che ha permesso il confronto sulle diverse tematiche di più stretta attualità, così come sul panorama generale delle realtà di Bolzano e Trento.

“Mi ha fatto molto piacere poter incontrare i due massimi rappresentanti della comunità cattolica della nostra Regione e poter parlare con loro degli aspetti positivi e delle problematiche che riguardano il nostro territorio. Se c’è qualcosa che unisce ciascuno dei gruppi linguistici storicamente presenti in Trentino-Alto Adige/Südtirol, è proprio la comune radice cristiana. La fede riveste ancora oggi un ruolo importantissimo nella nostra Comunità e mi ha fatto particolarmente piacere sapere che, dopo anni di crisi, anche per quanto riguarda le vocazioni, qualcosa si sta muovendo. Abbiamo bisogno di una società laica, ma che riconosca quei valori dei quali ancora oggi la Chiesa è portatrice e nei quali tutti noi possiamo ritrovare la nostra identità”.