PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Giornata dell'Autonomia (5/9/2019)

- video Tv integrale -

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Michela Biancofiore) – L’ipotesi avanzata oggi su alcuni quotidiani dal consigliere Bezzi non corrisponde affatto alla linea del partito. Il presidente Berlusconi ha lanciato l’idea di una legge elettorale proporzionale perchè, intuitivo come sempre, ha compreso che in Italia al momento non vige più il bipolarismo centro destra-centro sinistra ma, con la crescita del Movimento 5 Stelle , ci si trova di fronte ad un netto tripolarismo. L’elettorato italiano è diviso un terzo al centro sinistra, un terzo al centro destra e un terzo al Movimento 5 Stelle. Tradotto significa che una legge bipolare come il Mattarellum non rispecchierebbe la rappresentanza popolare come ha avuto modo di dire il presidente Berlusconi all’uscita delle consultazioni con il presidente della Repubblica Mattarella.

Pertanto l’auspicio di una legge elettorale proporzionale non ha nulla a che vedere con supposti accordi post-elettorali con il Pd come ha affermato Bezzi e se lo fosse, non sarebbe nemmeno un po’ intelligente rivelarlo. Il presidente Berlusconi ha ribadito che c’è l’accordo di coalizione con la Lega e Fratelli d’Italia su un programma comune e la coalizione si può fare comunque con la legge proporzionale. Ora lui come ciascuno di noi , è concentrato solo al rilancio elettorale di Forza Italia, puntando con un sano egoismo a riconquistare quel 30 % dell’elettorato che ne ha fatto in passato – e noi scommettiamo anche sul futuro, la nazionale della politica italiana.

Michaela Biancofiore – parlamentare Forza Italia, Trentino Alto Adige