VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

PAT * INAUGURATA LA PASSERELLA DI CALLIANO: FUGATTI, ” UN PICCOLO PONTE PUÒ PORTARE UNA COMUNITÀ VERSO IL SUO FUTURO “

Inaugurata la passerella di Calliano. Fugatti: “Un piccolo ponte può portare una comunità verso il suo futuro”.

Ci sono opere piccole ma che possono portare lontano. Una di queste è sicuramente il ponte ciclopedonale che a Calliano da ieri mette in sicurezza il collegamento tra le due sponde del Rio Cavallo, in una zona particolarmente frequentata da famiglie e da bambini vista la presenza della scuola materna e del Parco Europa.

Ed erano in tanti, nonostante il freddo di ieri mattina, al taglio del nastro inaugurale: tra questi, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti che, assieme al sindaco, Lorenzo Conci e all’assessore comunale Licia Mittempergher, presente anche il consigliere Ugo Rossi, ha ricordato il significato di questo intervento.

“Siamo qui – ha esordito il presidente Fugatti – per testimoniare l’attenzione dell’amministrazione Provinciale alle esigenze delle comunità, anche quelle come questa che pur piccola rappresenta un esempio in controtendenza vista la crescita della sua popolazione e l’espansione che sta vivendo”.Un segnale positivo insomma, di una comunità che si sta sviluppando, con quasi duemila censiti e nuclei familiari che esprimono le esigenze di una quotidianità fatta di lavoro, educazione dei figli, vita sociale.

Questo piccolo ponte, che affianca lo storico e quasi centenario manufatto carrabile su cui transitò la Campana dei caduti, è un po’ il simbolo di questa voglia di futuro. Se il primo obiettivo era mettere in sicurezza i pedoni che provengono dalla zona sud del paese, il sindaco ha ricordato anche la funzione di “unità ed integrazione di una comunità che si è espansa”, mentre l’assessore Mittempergher ha rilanciato ricordando altri tasselli di un mosaico che prevede di collegarsi con le ciclabili dei quattro comuni della zona ed intercettare, anche a fini turistici, il flusso della rete europea che parte da Capo nord ed attraversa anche la nostra regione.

Progetti per crescere dunque sia nella qualità dei servizi che nell’economia. “E non può che farci piacere – ha concluso il presidente Fugatti – registrare qui la forte partecipazione di imprese locali”. Un mix virtuoso insomma che costituisce valido esempio di quelle politiche di “filiera corta” che ben si adattano ad un territorio come quello trentino, costituito da molte realtà locali ciascuna con la propria identità.Non è un caso che pietra, ferro e legno siano gli elementi costitutivi della passerella di Calliano, con un tocco di innovazione rappresentato dalla segnaletica “Via sicura” che diventa naturalmente luminescente al buio grazie ad un brevetto regionale che sfrutta le proprietà della pietra nord caucasica.