VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

ORSA KJ2: ROMANO, LE RAGIONI IRRAGIONEVOLI DELLA POLITICA HANNO PREVALSO

(Fonte: Antonia Romano) – L’uccisione dell’orsa, la cui soppressione è stata annunciata appena si è diffusa la notizia dell’aggressione a un uomo che l’aveva attaccata sbagliando strategia difensiva, rappresenta l’epilogo di un progetto, il Life Ursus, nato da buoni propositi ma gestito malissimo, trascurando soprattutto l’informazione alle persone, non tenendo conto del fatto che la montagna oggi è vissuta in modo molto diverso dagli anni in cui l’orso era autoctono.

Le ragioni irragionevoli della politica provinciale hanno prevalso. Calmare gli umori adeguatamente agitati da populisti vecchi e nuovi, che nei rari momenti in cui si distraggono dai proclami di ordinario razzismo si accaniscono contro orsi e recentemente lupi, è stato prioritario rispetto ad una soluzione più accettabile e, soprattutto, secondo una visione non più antropocentrica degli ecosistemi.

È con profonda tristezza che ci tocca commentare l’ennesima manifestazione di mancanza di cultura ecologica e ambientalista di un’amministrazione provinciale di facciata, essendo palese ormai, anche attraverso questa circostanza, che il governo della provincia, come quello del comune di Trento, è nelle mani delle destre populiste a cui è sempre più affine il cosiddetto centrosinistra autonomista.

Ma, soprattutto, è evidente quanto anche in questa circostanza le richieste dal basso, le firme raccolte attraverso petizioni, gli appelli di associazioni animaliste, cadano nel vuoto dell’autoreferenzialità di una democrazia in avanzato stato di decomposizione.