News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

ONU * G7: SEGRETARIO GENERALE GUTERRES, «DOBBIAMO CONTINUARE A LAVORARE PER LA PACE IN UCRAINA, SULLA CARTA DELLE NAZIONI UNITE»

Scritto da
18.01 - mercoledì 12 giugno 2024

(Il testo seguente è tratto integralmente dalla nota stampa inviata all’Agenzia Opinione) –
///

 

SEGRETARIO GENERALE – OSSERVAZIONI ALLA STAMPA SUL G7

 

Ginevra, 12 giugno 2024

 

Sono di nuovo a Ginevra. Sono appena arrivato dalla Giordania, dove le Nazioni Unite hanno ospitato una conferenza sulla terribile situazione umanitaria di Gaza.

Da qui mi recherò al Vertice del G7 in Italia. Il mio messaggio è molto chiaro:  Questo è un momento critico. Dobbiamo affrontare profonde sfide globali su più fronti. E i leader del G7 hanno una responsabilità particolare. In primo luogo, sul clima. Stiamo raccogliendo il vortice dell’inazione climatica, con alluvioni, incendi, siccità e caldo devastanti.

La settimana scorsa il Servizio per i cambiamenti climatici Copernicus della Commissione europea ha riferito che il maggio 2024 è stato il più caldo mai registrato. Con questo sono dodici i mesi consecutivi più caldi di sempre.

L’Organizzazione meteorologica mondiale ha riferito che c’è l’80% di possibilità che la temperatura media annua globale superi 1,5 gradi Celsius in almeno uno dei prossimi cinque anni. Nel 2015, la possibilità di un tale superamento era prossima allo zero. La finestra d’azione si sta rapidamente chiudendo.

Naturalmente, un superamento dell’1,5 per un breve periodo non metterà in discussione l’obiettivo dell’1,5 come obiettivo a lungo termine per la fine del secolo. Ma la possibilità di questo superamento aumenta la nostra responsabilità di accelerare l’azione climatica per renderla il più possibile limitata e a breve termine.

I Paesi devono presentare nuovi piani climatici nazionali entro il prossimo anno. Questi piani devono essere in linea con l’impegno della comunità internazionale di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi. Ciò significa un’eliminazione globale dei combustibili fossili, che rappresentano l’85% delle emissioni globali. E i Paesi più grandi hanno la responsabilità di andare più lontano, più velocemente.

Per il G7 ciò significa impegnarsi a porre fine all’uso del carbone entro il 2030. Significa creare sistemi energetici privi di combustibili fossili e ridurre la domanda e l’offerta di petrolio e gas del 60% entro il 2035. E significa sostenere una giusta transizione globale verso l’energia pulita.
A livello globale, le energie rinnovabili sono in piena espansione.

Ma molti Paesi vengono lasciati all’oscuro. Le economie emergenti e in via di sviluppo, al di fuori della Cina, hanno visto gli investimenti in energia pulita fermi agli stessi livelli dal 2015. L’Africa ha ospitato meno dell’1% delle installazioni di energie rinnovabili dell’anno scorso, nonostante la ricchezza di risorse e il vasto potenziale. Abbiamo bisogno che le economie avanzate si uniscano a quelle emergenti e in via di sviluppo:

Mostrare solidarietà per il clima fornendo il supporto tecnologico e finanziario di cui hanno bisogno per ridurre le emissioni. Abbiamo bisogno di un impegno chiaro da parte del G7 per raddoppiare i finanziamenti per l’adattamento entro il prossimo anno e per colmare il divario dei finanziamenti per l’adattamento. E il G7 Adaptation Accelerator Hub deve tradursi in azioni concrete entro la COP29 di quest’anno.

Abbiamo anche bisogno di un maggiore cambiamento sistemico. Questa è la seconda area di intervento del G7. La nostra architettura finanziaria internazionale è obsoleta, disfunzionale e ingiusta. I ricchi sono sovrarappresentati, mentre i poveri non sono serviti. È necessario riformarla in modo che rappresenti meglio i Paesi in via di sviluppo e risponda alle loro esigenze;

Una riforma che aumenti sostanzialmente la capacità di prestito delle banche multilaterali di sviluppo;  e di riforme che cambino il loro modello di business, in modo che possano fornire molti più finanziamenti per l’azione per il clima e lo sviluppo sostenibile e che possano mobilitare enormi quantità di finanziamenti privati.

Ciò è particolarmente importante per i Paesi africani – una delle voci del G7 – alcuni dei quali spendono in media più per il servizio del debito che per la sanità, l’istruzione e le infrastrutture messe insieme. Non dimentichiamo che è imbarazzante che l’Africa non abbia ancora una rappresentanza permanente nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

E dobbiamo agire con urgenza sull’intelligenza artificiale – un altro dei punti all’ordine del giorno del G7 – una questione centrale della governance di oggi.  Queste tecnologie stanno correndo in anticipo rispetto alle normative. Vengono diffuse senza tenere in alcun conto le conseguenze. E stanno infiammando tensioni e divisioni.

Tutto questo è una ricetta per una profonda instabilità. L’IA deve sostenere i diritti umani, lo sviluppo sostenibile e apportare benefici a tutta l’umanità.

L’organo consultivo indipendente che ho nominato ha identificato chiare priorità per la governance dell’IA. Queste includono: la creazione di un gruppo scientifico internazionale sull’IA; un dialogo politico regolare sulla governance dell’IA; etica e standard comuni sull’IA; una governance dei dati rafforzata; impegni finanziari globali a sostegno dei Paesi in via di sviluppo.

Accolgo inoltre con favore la raccomandazione dell’Organo consultivo di creare un nuovo Ufficio delle Nazioni Unite per l’IA, piccolo, dinamico e flessibile, che riferisca direttamente a me. Sfrutteremo inoltre appieno la capacità dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni, come dimostrato dal recente vertice AI for Good.  Il Vertice del Futuro di settembre rappresenta un’opportunità per compiere progressi su tutti questi temi.

Inoltre, la posizione dei Paesi del G7 nell’economia e nelle istituzioni globali conferisce loro una responsabilità e un’opportunità uniche per spingere al cambiamento. Infine, il G7 ha un ruolo cruciale da svolgere per la pace.  La pace in Medio Oriente – e accolgo con favore la recente iniziativa di pace del Presidente Biden – esorta tutte le parti a cogliere l’opportunità di un cessate il fuoco e del rilascio degli ostaggi e a preparare il terreno per una soluzione a due Stati. Dobbiamo anche continuare a lavorare per la pace in Ucraina – una pace giusta, basata sulla Carta delle Nazioni Unite e sul diritto internazionale.

In tutto il mondo, non dobbiamo mai smettere di cercare soluzioni che affermino – e non minino – il diritto internazionale, compreso il diritto internazionale umanitario: Sempre e ovunque. Questi sono i messaggi che porterò con me in Italia.

*
António Guterres
Segretario generale delle Nazioni Unite
Categoria news:
OPINIONEWS
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DELLA FONTE TITOLARE DELLA NOTIZIA E/O COMUNICATO STAMPA

È consentito a terzi (ed a testate giornalistiche) l’utilizzo integrale o parziale del presente contenuto, ma con l’obbligo di Legge di citare la fonte: “Agenzia giornalistica Opinione”.
È comunque sempre vietata la riproduzione delle immagini.

I commenti sono chiusi.