News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

ON. CATTOI (LEGA) * PNRR: « IL CONFRONTO CON I COMUNI TRENTINI PER COGLIERE L’OPPORTUNITÀ, LA VIDEOCONFERENZA IL 28 GENNAIO »

Scritto da
16.16 - mercoledì 19 gennaio 2022

(Il testo seguente è tratto integralmente dalla nota inviata all’Agenzia Opinione) – “Ritengo che sia responsabilità di chi amministra cogliere questa grande opportunità compiendo le scelte migliori a favore della propria Comunità”. Con questo messaggio la deputata della Lega Vanessa Cattoi ha invitato tutti gli amministratori trentini a partecipare all’incontro organizzato dal MEF con ANCI in programma venerdì 28 gennaio in videoconferenza per approfondire i compiti e le sfide che si trovano davanti “I Comuni e le Città nel Pnrr: le risorse e le sfide” (modalità d’iscrizione sul portale ITALIADOMANI.GOV.IT).

“I comuni devono lavorare in sinergia con la Provincia perché la forza politica che possiamo mettere in campo lavorando di squadra è quella che ci consentirà di portare sul territorio il miglior risultato a favore dei nostri cittadini Trentini – ha spiegato Cattoi – la giunta Fugatti su questo fronte si è mossa in anticipo visto che di fatto abbiamo ritrovato tra i traguardi ed obiettivi del PNRR anche i 930 milioni destinati alla circonvallazione ferroviaria di Trento”.

Nel corso dell’incontro verrà dato un quadro generale sul Pnrr sulle risorse disponibili, con particolare attenzione al ruolo di milestone e target: un cambio di paradigma e di “modus opedandi” della pubblica amministrazione che assume così una metodologia più di stampo imprenditoriale ed industriale.

“Come Lega abbiamo presentato una mozione in Parlamento affinché i Comuni oggi esclusi dalla graduatoria per la misura di rigenerazione urbana possano vedere finanziati i loro progetti – ha ricordato la deputata – dove chiediamo di cancellare il criterio di vulnerabilità Istat che ha penalizzato soprattutto i comuni del Nord, inclusi quelli del Trentino”. La graduatoria dei finanziamenti per le opere di rigenerazione urbana con i fondi del PNRR ha visto, infatti, il 92,6% dei progetti dei comuni del Nord ammessi al bando ma NON finanziati, rispetto all’1% dei comuni del Sud e il 6,4% dei comuni del centro.

Dei 5,7 miliardi di euro del Pnrr riservati ai progetti di rigenerazione urbana si era già optato di destinare d’ufficio il 40% delle risorse, pari a 2,3 miliardi, ai comuni del sud. I restanti 3,4 miliardi rimanenti erano stati messi a bando applicando tra i criteri «l’indice di vulnerabilità», determinando di fatto l’esclusione dal bando di due terzi dei Comuni del Nord che erano stati ammessi. “Ad oggi c’è una sperequazione sui criteri che non fa bene a tutto il Sistema Paese Italia – conclude Cattoi – perché se è vero che dobbiamo sanare e colmare un grande gap tra Nord e Sud è altresì vero che i Comuni del Nord più allineati agli standard Europei devono sempre tenere livelli eccellenti di servizi non rischiare di abbassarli per esser maggiormente allineati”.

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.