VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

NPLD VAL DI FASSA: COMUN GENERAL FASCIA, L’8 GIUGNO CAPITALE EUROPEA MINORANZE

(Fonte: Ufficio stampa Comun general de Fascia) – Val di Fassa con Npld capitale europea delle lingue di minoranza. La conferenza internazionale del Network to Promote Linguistic Diversity porta, l’8 giugno a la Gran Ciasa di Soraga, rappresentanti di diversi governi e regioni del continente, nonché personalità del calibro di Sixto Molina per discutere idiomi minoritari come risorsa del turismo.

Riflettori europei puntati sulla Val di Fassa, l’8 giugno a la Gran Ciasa di Soraga, dove si tiene la conferenza internazionale del Network to Promote Linguistic Diversity (rete paneuropea per la promozione della diversità linguistica) con una sessantina di delegati, tra cui il presidente Patxi Batzarrika e la vicepresidente Sabrina Rasom, responsabile dei Servizi linguistici e culturali del Comun general de Fascia.

La “Conferenza internazionale su lingua, economia e turismo”, in collaborazione con la Provincia di Trento, il Comun general de Fascia, la Regione Trentino-Alto Adige e l’Azienda per il Turismo della Val di Fassa, vede al centro il ruolo delle lingue e delle culture di minoranza come risorsa del turismo, importante volano dell’economia, ma anche gli impatti che la globalizzazione e le connesse contaminazioni culturali hanno su questi idiomi (più o meno tutelati).

Al prestigioso incontro, oltre agli esponenti di diversi governi regionali, enti e associazioni prende parte anche Sixto Molina, il capo del segretariato della Carta per le lingue regionali e minoritarie del Consiglio d’Europa, e rappresentanti di rinomate istituzioni, fra cui il Museo Guggenheim e Leeuwarden capitale della cultura 2018.

La conferenza (che prevede traduzione simultanea in inglese, francese, italiano e spagnolo) si divide in due parti, la mattina dopo il benvenuto (ore 9) di Ugo Rossi, presidente della Provincia autonoma di Trento, Elena Testor, procuradora del Comun general del Fascia, Patxi Batzarrika e Sabrina Rasom e di Giuseppe Detomas, assessore alle minoranze linguistiche della Regione autonoma Trentino-Alto Adige, si assiste all’atteso intervento di Sixto Molina.

Dopodiché spazio alla prima parte della sessione istituzionale con la presentazione di esperienze interessanti: il caso ladino, cimbro e mocheno nell’industria turistica, illustrato da Fabio Chiocchetti, dell’Istitut ladin “Majon di fascegn”, da Annamaria Trenti, del Kulturinstitut Lusern, e da Mauro Buffa, Bersntoler Kulturinstitut; la strategia di comunicazione multilingue della Rete Biscaglia e Museo Guggenheim a Bilbao, raccontata da Lorea Bilbao, deputata del governo Biscaglia (Paesi Baschi) e da Garbiñe Urrutikoetxe, del Museo Guggeheim; il ruolo del catalano nell’industria turistica della Catalogna, presentato da Marta Teixidor, direttrice del Catalan Tourist Board in Italia.

Nel pomeriggio (ore 14.30), invece, vengono illustrate alcune iniziative per inserire le lingue di minoranza nella strategia del marchio, quali: il caso frisone con Wybren Jorritsma, di Lân fan taal – Provincia delle Frisia, e la cultura occitana nell’economia locale, con Jocelyn Icart, della Convergencia Occitana.

Al termine della conferenza, gli ospiti hanno modo di visitare il territorio valligiano e di raggiungere il punto panoramico di Passo Pordoi dove potranno ammirare le bellezze del Patrimonio Unesco.

 

 

 

***

Fascia con NPLD capitala europeèna di lengac de mendranza

La conferenza internazionèla del Network to Promote Linguistic Diversity porta, ai 8 de jugn te la Gran Ciasa de Soraga, raprejentanc de goergn e raions desvalives del continent e ence personalitèdes de nonzech desche Sixto Molina per rajonèr de lengac de mendranza desche ressorsa per l turism.

Fascia sot i refletores, ai 8 de jugn te la Gran Ciasa de Soraga, olache vegn endrezà la conferenza internazionèla del Network to Promote Linguistic Diversity (la rei europeèna che se cruzia del stravardament e de la valorisazion de la desvalivanzes linguistiches), con presciapech sessanta delegac, anter chisc l president Patxi Batzarrika e la vize presidenta Sabrina Rasom, responsabola di Servijes linguistics e culturèi del Comun General de Fascia.

La Conferenza internazionèla en cont de lengaz, economìa e turism, metuda a jir con la colaborazion de la Provinzia de Trent, l Comun general de Fascia, la Region Trentin SudTirol e l’Azienda per l Turism de la Val de Fascia, l’à desche argoment prinzipèl la pèrt di lengac e la cultures de mendranza desche ressorsa per l turism, emportant element de l’economìa, ma ence la conseguenzes che à la globalisazion e i contac culturèi en relazion a chisc idiomes (più o manco stravardé).

A la scontrèda de prestije, apede ai esponenc di desvalives goergn regionèi, enc e sociazions, tol pèrt ence Sixto Molina, responsabol del secretariat de la Chèrta per i lengac regionèi e de mendranza del Consei d’Europa, e i raprejentanc de istituzions de nonzech, anter chisc l Mueso Guggenheim e Leeuwarden capitala de la cultura 2018.

La conferenza (che la perveit traduzion paralela per ingleis, franzous, talian e spagnol) se spartesc te doi pèrts, dadoman dò l benvegnù (da les 9) de Ugo Rossi, president de la Provinzia automoma de Trent, Elena Testor procuradora del Comun general del Fascia, de Patxi Batzarrika e Sabrina Rasom e de Giuseppe Detomas, assessor a la mendranzes linguistiches de la Region Trentin SudTirol, sarà l’intervent tant spetà de Sixto Molina.

Sobito dò vegnarà avert la pruma pèrt de la sescion istituzionèla con la prejentazion de esperienzes de enteress: l cajo ladin, zimber e mòchen te l’industria turistica, despiegà da Fabio Chiocchetti, de l’Istitut ladin “Majon di fascegn”, da Annamaria Trenti, del Kulturinstitut Lusern, e da Mauro Buffa, del Bersntoler Kulturinstitut; la strategìa de comunicazion anter desvalives lengac de la Rei Biscaglia e del Museo Guggenheim de Bilbao, contèda da Lorea Bilbao, deputata del goern Biscaglia (Paijes Bascs) e da Garbiñe Urrutikoetxe, del Museo Guggeheim; la pèrt del catalan te l’industria turistica de la Catalogna, portèda dant da Marta Teixidor, diretora del Catalan Tourist Board de la Tèlia.

Domesdì (da mesa les 15), enveze, vegnarà portà dant scomenzadives en cont de co tor ite i lengac de mendranza te la strategìa del brand: l cajo frijon con Wybren Jorritsma, Lân fan taal – Provinzia de la Frijia, e la cultura ozitèna, con Jocelyn Icart, de Convergencia Occitana.

A la fin de la conferenza ai ghesć ge vegnarà sport na raida te Fascia e da Pordoi i podarà mirèr la marevees de la crepes patrimonie Unesco.

 

 

 

 

 

 

 

In allegato il comunicato stampa in italiano e ladino:
[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2017/06/FassaConferenzaInternazionaleNPLD_CS_L.pdf”]

 

 

 

 

 

 

Foto: da comunicato stampa