MONDADORI * ANNA MORONI A SPY: ” MI SPIACE SMENTIRE ELISA ISOARDI MA DEL VECCHIO CAST DELLA ‘ PROVA DEL CUOCO ‘ NON È STATO CHIAMATO NESSUNO, E IO SONO ANDATA CON MENGACCI CON CUI MI TROVO BENISSIMO “

«Quando Antonella Clerici mi ha detto che intendeva lasciare la “Prova del Cuoco” ho deciso di lasciare anch’io. Ma la Rai, in verità, non mi ha mai chiesto di restare. Elisa Isoardi ha detto che tutti i cuochi delle scorse edizioni sono stati richiamati? Mi dispiace smentirla, ma non è vero! E poi, detto tra noi, anche se mi avessero chiesto di cambiare idea cosa sarei rimasta a fare? La vecchia squadra, in fondo, non c’era più. A ogni modo le auguro ogni bene.

È stata coraggiosa a voler rivoluzionare un programma dopo diciassette edizioni e sono certa che piano piano, anche lei, aumenterà gli ascolti». Non ha peli sulla lingua Anna Moroni, storico “braccio destro” di Antonella Clerici a “La Prova del Cuoco” nello spiegare i motivi del suo abbandono, dopo sedici anni, della popolare trasmissione ora guidata da Elisa Isoardi. Lo fa in una lunga intervista pubblicata dal settimanale Spy nel numero in edicola da venerdì 2 novembre dove spiega anche perché si è trasferita a Mediaset, su Retequattro, nella trasmissione “Ricette italiane” condotta da Davide Mengacci. «Non so se sono stata coraggiosa o meno. Io, a maggio, avevo deciso che avrei chiuso con la tv. Poi è passata l’estate, è arrivata la proposta da Rete 4 e ho accettato. La verità è che a casa, ad ammuffirmi davanti alle carte da burraco, non ci so proprio stare.

A Rete 4 mi trovo benissimo, anche perché sono sola, faccio le mie ricette classiche, quelle che io chiamo ‘facili facili’, dove posso spiegare ai miei amici a casa quello che devono fare per fare degli ottimi piatti. Davide Mengacci lo incontro solo il sabato, purtroppo. È una persona bellissima, insieme ridiamo davvero tanto, e poi facciamo delle cose sane, buone, gustose e divertenti. Non mi manca nulla, se non la presenza di Antonella». E la Clerici come ha commentato il suo cambiamento? «“Vai! Non stare a casa ad ammuffirti”, mi ha detto. Ci sentiamo sempre. Andrò a trovarla anche a Portobello».