VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

MINISTERO INTERNO * TRENTO – VISITA SOTTOSEGRETARIO MOLTENI: « PREVISTO L’ARRIVO DI 8 UNITÀ DELLA POLIZIA DI STATO PER IL POTENZIAMENTO ORGANICO E 18 TRA CARABINIERI E FINANZIERI »

Sicurezza: Molteni, a Trento più poliziotti e rinforzi estivi. Sicurezza è priorità. “Oggi qui a Trento ho avuto un importante momento di interlocuzione con gli esponenti delle Istituzioni e con i vertici delle Forze dell’Ordine.

Ho voluto manifestare la mia vicinanza e quella del Ministero e ringraziare il  territorio  di Trento per l’impegno dimostrato non soltanto sul fronte dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid 19, ma soprattutto sul versante della sicurezza, nel contrasto allo spaccio e alle infiltrazioni della criminalità organizzata.

Sotto questo aspetto la soglia di attenzione dovrà rimanere alta soprattutto in vista dell’arrivo delle risorse del PNRR. Importante sarà allora l’attenzione da dedicare al monitoraggio delle attività della  criminalità:  ma sono molto fiducioso perché come emerso questa mattina noi crediamo molto nella sicurezza partecipata, con i cittadini parte attiva con la loro capacità di denuncia in collaborazione con le Forze di Polizia.

 

Il bisogno di sicurezza dei cittadini rimane una priorità nell’agenda del Governo. Proprio per questo il Ministero ha previsto a  Trento l’arrivo di  8 unità della Polizia di Stato per il potenziamento organico e 18, tra Carabinieri e Finanzieri, per i rinforzi estivi; uomini e donne in divisa che vigileranno su tutte le forme di insicurezza urbana e sulla malamovida, perché se dobbiamo rispettare il diritto al divertimento al contempo dobbiamo tutelare  anche il  diritto al riposo.

Infine  in continuità con  l’operato del  Ministro Salvini  è stato rifinanziato il fondo per la sicurezza urbana: 65 milioni ripartiti per il trienno 2021-2023. Si potranno allora dar vita a progetti importanti come “Scuole Sicure” indirizzati anche al contrasto del fenomeno dello spaccio nelle vicinanze dei plessi scolastici.”

Lo dichiara Nicola Molteni sottosegretario all’Interno in una nota.