News immediate,
non mediate!

Gianpiero Lui – Candidato Sindaco Rovereto (Tn)

Categoria news:
OPINIONEWS

METEOTRIVENETO * FOEHN: « IN FONDOVALLE MASSIME SUPERIORI A 10°C, IN QUOTA FORTI RAFFICHE DI VENTO (RAGGIUNTI 191KM/H A RA VALLES IN VENETO E 189 KM/H A PUNTA CES IN TRENTINO) »

Scritto da
12.30 - sabato 4 febbraio 2023

(Il testo seguente è tratto integralmente dalla nota inviata all’Agenzia Opinione) –

///

 

Il foehn scalda (temporaneamente) le temperature, in fondovalle massime superiori anche di 10°C ai giorni scorsi, in quota forti raffiche di vento (raggiunti i 191km/h a Ra Valles in Veneto e i 189 km/h a Punta Ces in Trentino).

Premessa
Trentino Alto Adige e Veneto si trovano tra un anticiclone di matrice atlantica a occidente e una vasta depressione a oriente, che provocano forti venti settentrionali in particolare in quota, ma con anche raffiche di foehn nei fondivalle che provocano aumenti di temperatura anche di molti (oltre i 10°C) rispetto alle medie del periodo e ai giorni scorsi.

RAFFICHE DI VENTO
Nella tabella qui sotto le raffiche di vento registrate questa mattina dalle stazioni meteorologiche dell’ODV Meteotriveneto e da quella di Flavio Tolin (Marmolada Punta Penia). Sopra ai 130 km/h, ci sono da aggiungere i 164 km/h della centralina di Meteotrentino di Peio 2960 m, i 131 km/h di Diga Careser 2600 m, i 130 km/h di Monte Scabro di Plan 2926 m della provincia autonoma di Bolzano.

 

 

Queste raffiche di vento hanno provocato dei danni e soprattutto la chiusura di molti impianti di risalita o interi comprensori sciistici. Per le centraline meteo di Ra Valles, Punta Ces, Col Rodella, Punta Penia, sono le massime raffiche registrate nella storia delle centraline meteorologiche.

 

COSA E’ IL FOEHN

Il forte gradiente di pressione tra l’alta pressione a ovest e la bassa a est ha provocato i forti venti in quota. Il grafico qui sotto (fonte Meteo Provincia Autonoma di Bolzano) rappresenta la differenza di pressione atmosferica tra Bolzano ed Innsbruck in ettopascal [hPa]. Questo valore è legato al tipo di vento che si instaura nelle vallate alpine.

Se, ad esempio come oggi, la differenza è negativa (ovvero la pressione atmosferica a Bolzano è inferiore rispetto a Innsbruck) in Alto Adige compare il Föhn da nord che interesserà via via le vallate più a meridione se tale differenza risulta sufficientemente marcata.

 

 

TEMPERATURE
Oggi molte persone avranno notato nei fondivalle trentini come la neve dopo tanti giorni abbia iniziato a sciogliersi, il tutto causato dal foehn (o favonio) che riscalda l’aria nel suo moto di discesa da nord verso sud.

Alcuni dati:

Temperature ore 11.45 di oggi 4 febbraio 2023:

Arco (Meteotrentino) +18,5°C
Grigno (Meteotrentino) +17,9°C
Trento Roncafort (Meteotrentino) + 17,5°C
Mezzolombardo (Meteotrentino) + 17,2°C
Levico Terme (Meteotriveneto) + 16,7°C

A Levico Terme per trovare temperature così elevate dobbiamo tornare indietro di oltre 70 giorni, fino al 18 novembre scorso.

Diversamente è andata sulle Dolomiti dove le temperature sono rimaste sullo zero intorno ai 1500-1700 m con le “massime” nottune tra i -8°C del Sass Pordoi 2950 m -11°C della Marmolada Punta Penia 3343 m e nei passi dolomitici, Pordoi e Sella -2°C (dati meteotriveneto). Già in mattinata le temperature stanno scendendo, al calare del vento, ma anche nelle prossime giornate sono attesi cali anche di oltre 10 gradi in alta quota che poi si ripercuoteranno in temperature decisamente sotto lo zero nei fondivalle dolomitici e prealpini.

Invece nelle Preali Venete, la temperatura si è assestata per tutta la notte tra i 7 ed i 12 gradi tra i 700 m ed i 1500 m (10°C ad Asiago Centro (meteotriveneto) a mezzanotte, 11°C a Borso del Grappa a quota 730 m (meteotriveneto), in base alle esposizioni al vento o meno, con raffiche anche di 80 km/h ad Asiago centro, fino ai 100 km/h del Monte Avena 1430 m. La zona più colpita dal vento è la classica zona interessata da fenomeni di foehn, tra la Val Gardena e le Dolomiti meridionali con accenno, in questa tornata, anche alle dolomiti bellunesi meridionali ed alcune parti delle prealpi vicentine.

 

*

Per Meteotriveneto
Stefano Zamperin: Presidente
Giampaolo Rizzonelli Socio e responsabile del progetto di monitoraggio dei siti freddi.

Categoria news:
OPINIONEWS
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DELLA FONTE TITOLARE DELLA NOTIZIA E/O COMUNICATO STAMPA

È consentito a terzi (ed a testate giornalistiche) l’utilizzo integrale o parziale del presente contenuto, ma con l’obbligo di Legge di citare la fonte: “Agenzia giornalistica Opinione”.
È comunque sempre vietata la riproduzione delle immagini.

I commenti sono chiusi.