VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

MERCATINI HOBBISTI TRENTINO: PAT, APPROVATO IL DDL CIVETTINI-CIA-DE GODENZ

(Fonte: Ufficio stampa Pat) – Approvato il ddl Civettini, Cia, De Godenz sui mercatini degli hobbisti. Nella seduta del pomeriggio del Consiglio è stata approvato, con 28 sì e due astenuti, il ddl unificato Civettini (Civica Trentina), Cia (Misto), De Godenz (UpT) che, in sintesi, riforma la legge sul commercio del 2010 per quanto riguarda i mercatini degli hobbisti.

Una norma che delinea la figura dell’hobbista; istituisce il tesserino identificativo, limita le giornate di vendita a quattordici all’anno (della quali massimo 8 nei comuni con più di 10 mila abitanti), stabilisce che il volume della merce esposta non possa superare complessivamente i 2000 euro, con un massimo di 200 euro a pezzo e istituisce le Giornate del riuso.

Il dibattito sul ddl è stato aperto nel pomeriggio da Gianfranco Zanon (PT), che ha coordinato il gruppo di lavoro che ha preparato il testo unificato, il quale ha affermato che il ddl è equilibrato perché tutela sia i commercianti che gli artigiani che gli hobbisti.

Degasperi (5 Stelle) invece ha detto di dissentire dal ddl perché le problematiche, emerse già in commissione, sono diventate realtà.

I mercatini dei piccoli centri e quelli che si tengono nelle basse stagioni saranno penalizzati da queste norme. Il consigliere, inoltre, come ha fatto in commissione, ha ricordato che le leggi contro l’abusivismo ci sono già e, semplicemente, si dovrebbero far rispettare.

Invece, all’italiana, si è fatta una nuova normativa, talmente penalizzante, che finirà per distruggere i mercatini. Lucia Maestri (Pd) ha affermato che operare per “tagliandi” sulle leggi è doveroso.

Ad esempio, ha aggiunto (suscitando la dura reazione di Degasperi) se la Giunta Appendino avesse fatto i “tagliandi” ai regolamenti comunali non sarebbe successo quello che è accaduto a Torino nei giorni scorsi.

Questa legge, trasversale ha aggiunto, mette d’accordo gli interessi degli artigiani e quelli degli hobbisti. Civettini (Civica Trentina) ha specificato, tra l’altro, che la norma divide gli hobbisti da chi si dedica al riuso e, comunque, la nuova legge non è “blindata”, ma se necessario, se si verificheranno abusi, magari di tipo fiscale, si interverrà per cambiarla.

Approvato, col parere favorevole di Olivi, anche il dispositivo dell’odg di Civettini che chiede di incrementare i controlli, da parte dei comuni, nei confronti degli ambulanti abusivi che vendono, a bordo strada, anfore e frutta e verdura.

Un’attività che rappresenta una concorrenza sleale nei confronti dei commercianti e artigiani in regola. Sì anche all’emendamento, presentato in Aula, da Olivi che vieta l’esposizione di armi e esplosivi e i beni ritenuti storici in base alle norme nazionali.

Ora la seduta è stata sospesa per cercare un accordo sugli emendamenti presentati sul ddl che mira all’istituzione del garante dei detenuti e dei minori primo firmatario Mattia Civico (Pd).

 

 

 

 

Foto: archivio Consiglio provinciale Pat