MEDIASET – RETE 4 * ‘ QUARTA REPUBBLICA ‘: ROMANO PRODI, ” ABBIAMO BISOGNO DI PIÙ EUROPA, NON DI MENO EUROPA ” (LINK VIDEO)

A “Quarta Repubblica”, il talk di politica ed economia di Retequattro condotto da Nicola Porro, ieri sera in prima serata, l’ex-Presidente del partito Democratico ed ex-Presidente della Commissione europea Romano Prodi ha rilasciato un’intervista parlando della situazione politica contemporanea.

Quando gli viene domandato se si riconosca in questa Europa, Prodi risponde: «L’Europa era una struttura sovranazionale seria, con la Commissione che rappresentava tutta l’Europa. Poi si è passato a un’Europa sfrangiata fra gli interessi di diversi Paesi. Il potere è passato dalla Commissione al Consiglio, e il Consiglio rappresenta le nazioni. Allora, quando le nazioni sono una contro l’altra, chi vince? La più grossa, e allora abbiamo avuto anni di dominio della politica economica della Germania, che ho più volte criticato. Ma abbiamo bisogno di più Europa, non di meno Europa».

In merito alle colpe dei tedeschi per la tensione in Europa, dice: «È colpa di un’Europa che si è trasformata. Chieda oggi a un cittadino italiano se si vede mai alla televisione una riunione della Commissione. Si vede solo la riunione del Consiglio: capisci che è una trasformazione grossissima questa. E non è più l’Europa assieme, ma sono i Paesi europei che si giocano il potere. È un’altra cosa».

Quando gli viene domandato se l’Europa allora sia attenta solamente ai conti, afferma: «No, quello non è vero, è proprio una menzogna. Lo Stato moderno è fondato sull’esercito e sulla moneta: quando si mette insieme la moneta, non si mettono insieme le banche o cose del genere, ma la decisione politica. Noi dobbiamo recuperare il senso della politica, facendolo per le prossime elezioni».

Sulla necessità di avere dei leader politici forti, aggiunge: «Se lei trasforma le elezioni europee in vere elezioni europee – finora abbiamo avuto solo delle elezioni nazionali – lei i leader li trova. Pensi a un bel confronto tra un democristiano tedesco e un liberale di un altro Paese, o un socialista, che fanno due campagne diverse».

Sul dubbio che l’Europa, giudicando solamente manovra e conti, non faccia altro che favorire questo governo, conclude: «Ma lasci stare governo o non governo. Quando l’Europa stabilisce le norme solitarie, ad esempio le regole per il riciclo dei rifiuti, che sono cose utili, non scaldano l’animo. L’animo si scalda con la politica: bisogna fare, a livello europeo, una battaglia politica».

 

Link all’intervista a Romano Prodi: