News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

MASCHIO (ONDA) – INTERROGAZIONE * TRENTO – CIRCONVALLAZIONE TRENI: « DELIBERA N. 24/2022, IL SINDACO INTENDE INVIARNE UNA COPIA AL MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA? »

Scritto da
11.44 - martedì 24 maggio 2022

Interrogazione a risposta orale presentata dal gruppo consigliare comunale ONDA. Circonvallazione e delibere dimenticate.

Ad inizio marzo 2022 la Commissione Tecnica istituita presso il Ministero della Transizione Ecologica ha chiesto ufficialmente integrazioni progettuali al proponente delle opere in oggetto, allegando analoga nota del Ministero della Cultura, anch’essa contenente richiesta di integrazione al proponente, società R.F.I., Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.

Nello stesso mese RFI inviava al Ministero degli elaborati progettuali integrativi a cui seguì la pubblicazione del materiale integrativo da parte del MITE sul proprio sito Internet.

Ciò affinché i vari soggetti interessati come la Provincia Autonoma di Trento, il Comune di Trento, il Comune di Besenello, il Comune di Aldeno, la Regione Trentino Alto Adige, ed altri, attraverso apposito avviso di pubblicazione, potessero presentare osservazioni alle integrazioni predisposte da R.F.I., entro il termine di 15 giorni.

A ciò il presidente della Provincia Autonoma di Trento con nota dell’1 aprile 2022 (e non è un pesce) ha comunicato che, “in generale, dalla documentazione progettuale integrativa non fornisce riscontri – se non in parte minimale – alle indicazioni, ai dubbi e dalle richieste formulate nel parere di competenza della Amministrazione provinciale e pertanto con la presente si ribadisce integralmente il contenuto della deliberazione di giunta provinciale 25 febbraio 2022 numero 274 e dei relativi allegati”.

Direi totalmente diverso l’atteggiamento, il modo e il comportamento dell’assessore esterno con delega in materia di transizione ecologica, mobilità, partecipazione di beni comuni, del Comune di Trento.

Il 20 aprile invia una comunicazione al Ministero della Transizione Ecologica sostenendo di aver preso visione della documentazione integrativa e che “su tali elaborati non si formulano in questa sede osservazioni nel merito; si ritiene doveroso però segnalare che tali risposte con le conseguenti integrazioni si riferiscono al PFTE trasmesso al Ministero della Transizione Ecologica in data 15 dicembre 2021 ai fini della procedura di Valutazione di impatto ambientale e non fanno riferimento alle modifiche richieste e concordate con questa amministrazione da R. F. I.”
Già questo sembra invece un pesce di aprile, come dire “non faccio osservazioni poiché non sono state ad ora recepite le modifiche richieste…ma ve le ricordiamo…in sintesi”…stranamente dimenticandone alcune.

Infatti l’Assessore prosegue dicendo:“tali modifiche che si ritengono migliorative sono state approvate da questa amministrazione come prescrizioni al PFTE, con delibera di consiglio comunale di Trento numero 27 del 23.02.2022 avente ad oggetto: – omissis – e si riportano sinteticamente:

• prolungamento della parte interrata della linea merci verso nord – eccetera,

• istituzione dell’osservatorio per l’ambiente la sicurezza del lavoro – eccetera,

• aree di cantiere – eccetera”……punto….

Pur tuttavia preme ricordare che con delibera n. 24 del 2022, diventata esecutiva il 07.03.2022, il Consiglio comunale ha impegnato il Sindaco e la Giunta comunale a:

1. a subordinare l’avvio dei lavori alla piena coerenza del progetto sviluppato da R.F.I. con le plurime e dettagliate prescrizioni contenute nel parere alla Valutazione di Impatto Ambientale e la conseguente autorizzazione sia da parte ministeriale che provinciale;

2. a subordinare l’avvio dei lavori relativi alle opere anticipate all’attivazione di un cantiere pilota sulle aree oggetto delle opere della linea ferroviaria di Trento Nord ed alla conseguente valutazione positiva della fattibilità dell’intervento;

3. ad attivarsi in tutte le sedi, insieme agli altri Enti coinvolti, per sviluppare ogni azione in grado di favorire una soluzione definitiva alle problematiche ambientali dell’area.

Oltremodo si ricorda che con delibera numero 25 del 2022 il Consiglio comunale ha espresso parere favorevole a maggioranza al procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale del progetto di circonvallazione ferroviaria con numerose prescrizioni, dettagliatamente riportate all’interno di tale delibera.

Inoltre con delibera n. 27 del 2022 il Consiglio comunale, immediatamente eseguibile, ha deliberato che:
• omissis

• 3. di precisare che:

◦ – omissis

◦ la prescrizione di cui al punto 9a dell’Allegato n. 1 sopracitato riguardante l’integrazione del progetto depositato con la previsione di “cameroni” nella parte nord della “galleria Trento” è da attuare entro la determinazione conclusiva della Conferenza dei Servizi;

◦ la prescrizione di cui al punto 10a dell’Allegato n. 1 sopracitato riguardante l’impegno a sottoscrivere un protocollo di intesa per l’istituzione di un Osservatorio per l’Ambiente e la sicurezza del Lavoro tra R.F.I., Provincia autonoma di Trento e Comune di Trento è da attuare entro la determinazione conclusiva della Conferenza dei Servizi”.

Non possiamo quindi non notare e non esimerci da evidenziare con forza come le integrazioni progettuali predisposte da Italferr non contengano in alcun modo la progettazione dei cosiddetti cameroni, come invece richiesto con carattere prescrittivo dal Comune di Trento con delibera numero 27 del 2022.

Cosi come non contengono alcun riferimenti plurime e dettagliate prescrizioni contenute nel parere alla Valutazione di Impatto Ambientale e la conseguente autorizzazione sia da parte ministeriale che provinciale di cui alla delibera 24 o alla necessità di subordinare l’avvio dei lavori relativi alle opere anticipate all’attivazione di un cantiere pilota sulle aree oggetto delle opere della linea ferroviaria di Trento Nord ed alla conseguente valutazione positiva della fattibilità dell’intervento.

*

Tutto ciò premesso si interrogano pertanto il Sindaco e la Giunta ai fini di conoscere:

1. se non ritengano urgente ed indispensabile inviare (tramite pec…ci si mette due minuti) al Ministero della Transizione Ecologica ed alla Commissione tecnica PNRR PNIEC, copia della delibera del consiglio comunale numero 24/2022, relativa al cantiere pilota, il cui disposto non è riportato all’interno del parere a suo tempo inviato da parte del Comune di Trento (prot. Ingresso MITE 08.03.2022).

2. vista l’imminenza dell’emissione del parere da parte del Ministero della Transizione Ecologica, se non ritengano fondamentale verificare che detto parere contenga le prescrizioni riportate all’interno delle varie delibere comunali citate in premessa e che contenga in particolare la prescrizione dei cosiddetti cameroni (delibera n. 27 del 2022) con modifica progettuale da attuare entro la determinazione conclusiva della Conferenza dei Servizi e del cantiere pilota (delibera n. 24 del 2022) “sulle aree oggetto delle opere della linea ferroviaria di Trento Nord ed alla conseguente valutazione positiva della fattibilità dell’intervento”, quale opera preliminare al fine di garantire la sicurezze dei lavoratori e dei cittadini, come riportato nella delibera comunale sopra citata;

3. infine se non avesse dovuto, l’assessore competente, informare il consiglio comunale prima di trasmettere il suo parere al MITE, non conforme alle delibere approvate dallo stesso Consiglio.

*

Andrea Maschio
Consigliere comunale ONDA

 

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica PDF [152.48 KB]

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.