VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

MARIO COSSALI * COMUNE DI TERRAGNOLO (TN): « DOPO LA FINE DEL COMMISSARIAMENTO E AD UN MESE DALLA SCADENZA ELETTORALE LA COMUNITÀ NON SI PRONUNCIA SULLE SCELTE FUTURE »

E’ strana e preoccupante la vicenda del Comune di Terragnolo. Una comunità vivace e creativa che ad un tratto, sei anni fa, rinuncia ad eleggere un sindaco e un’amministrazione scelta democraticamente e che anche oggi, dopo la fine del commissariamento, a circa un mese dalla scadenza elettorale non si pronuncia pubblicamente sulle scelte future.

E’ strana perché Terragnolo ha dato ampia prova di sensibilità civica partecipando in modo massiccio ad un referendum sul progetto dell’autostrada Valdastico, ha inventato forme nuove di associazione e di protagonismo anche a livello giovanile, ha dato il via a progetti ambiziosi come quello sulla coltivazione e valorizzazione gastronomica del grano saraceno.

Insomma una comunità  che, memore del pensiero e delle proposte di Gino Gerola e di Guglielmo Valduga, è andata sempre avanti, non accettando in ogni caso l’inerzia di una pericolosa marginalizzazione, dalla ristrutturazione efficiente delle abitazioni all’iniziativa agricola e ricettiva del passo della Borcola. Adesso bisogna ricominciare a tessere i fili del futuro, la voce, le voci della comunità devono tornare a farsi sentire. Se si è rotto qualcosa di importante e vitale nel cuore della comunità si dovrebbe almeno sapere. Il silenzio è altrimenti assordante.

 

*

Mario Cossali