News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

MANICA (PD) – INTERROGAZIONE * POLITICHE AMBIENTALI: « LA GIUNTA PAT COME INTENDE PROCEDERE PER MONITORARE LA SITUAZIONE NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, AL FINE DI CORREGGERE LA GESTIONE ENERGETICA? »

Scritto da
11.43 - venerdì 13 agosto 2021

(Il testo seguente è tratto integralmente dalla nota inviata all’Agenzia Opinione) –

Se l’efficienza energetica degli edifici è, come noto, uno degli obiettivi prioritari delle politiche ambientali europee e nazionali, allo scopo di contenere gli effetti del cambiamento climatico in atto, ma anche per salvaguardare la salute collettiva, è necessario “metter mano” al patrimonio edilizio pubblico esistente, con particolare riguardo agli edifici scolastici.

A tale proposito, il Consigliere provinciale del Partito Democratico del Trentino, Alessio Manica ha depositato oggi un’interrogazione, al fine di capire come la Giunta provinciale intenda monitorare la situazione attuale degli edifici scolastici sul territorio, anche per correggere eventuali problemi nella gestione del calore ed in quella energetica. Ma non solo. Il Cons. Manica chiede infatti di sapere quale priorità è stata assegnata agli interventi per le sedi scolastiche; quali risorse di intendono assicurare in questa direzione e se il governo provinciale ritiene intervenire per dotare le scuole di idonei sistemi di ventilazione, anche in relazione alla pandemia in atto.

 

*

Interrogazione n.

QUALI INTERVENTI PER L’EFFICIENZA ENERGETICA NEL PATRIMONIO IMMOBILIARE PUBBLICO?

L’efficenza energetica degli edifici, come certamente noto, è uno degli obiettivi indicati da tutti gli strumenti attivati dall’ Unione Europea e dal nostro Paese per avviare la ripartenza dell’economia e della vita sociale e per contribuire al contenimento del cambiamento climatico in atto.

Ma si tratta anche di un aspetto che riguarda la salute ed il benessere di tutti i cittadini ed è per tale ragione che le pubbliche Amministrazioni sono chiamate ad una vera sfida per mettere mano al proprio patrimonio edilizio; per risanarlo riducendo i consumi energetici e per renderlo,infine, più abitabile anche in considerazione del benessere di chi lo utilizza. Gli istituti scolastici, in questo contesto, sono senz’altro la priorità, se vogliamo assicurare alle giovani generazioni ambienti salubri ed adeguati alla loro formazione. Non si tratta però solo di ristrutturare vecchi edifici o di costruirne di nuovi e più funzionali, bensì di utilizzare meglio almeno quelli più recenti. Ci vengono infatti, ripetutamente, segnalate situazioni di disagio in sedi scolastiche anche di recente edificazione, a causa di carenze nella gestione termica.

Impianti di riscaldamento che non assicurano temperature corrette nelle aule scolastiche, con livelli di grado massimi o minimi fuori norma ed anche indipendenti dalle misure di prevenzione legate alla pandemia Covid19. Ma non solo. Esposizione solare non corretta o non mitigata da sistemi di protezione e, più in generale, assenza di un puntuale gestione del calore che consideri in modo preciso le presenze degli allievi negli edifici. Buon ultimo, è emerso sulla stampa anche un dibattito in merito alla necessità di dotare e/o migliorare i sistemi di ventilazione delle aule, anche in relazione al contenimento del contagio in atto.

Tutto ciò premesso, si interroga la Giunta provinciale per sapere:

– come la stessa intenda procedere per monitorare la situazione negli istituti scolastici di ogni ordine e grado, al fine di correggere subito la gestione del calore e quella energetica;

– come la stessa intenda assicurare priorità agli interventi rivolti alle sedi scolastiche, per migliorare l’efficenza energetica delle medesime;

– quali risorse si intendono assicurare per il raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica e di benessere per chi lavora nel patrimonio edilizio pubblico;

– se si intende intervenire per dotare gli edifici carenti di idonei sistemi di ventilazione.

A norma di Regolamento si richiede risposta scritta.

*

Cons. Alessio Manica

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.