News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

MANICA (PD) – INTERROGAZIONE * INTERVENTI LUNGO SP 20: « QUANDO SARANNO SISTEMATI I DANNI PROVOCATI AL MANTO STRADALE? »

Scritto da
09.51 - martedì 29 marzo 2022

(Il testo seguente è tratto integralmente dalla nota inviata all’Agenzia Opinione) –

Nelle scorse settimane sono stati eseguiti dei lavori di taglio a raso del tratto boschivo collocato a monte della S.P. 20 sopra l’abitato di Molini di Nogaredo e il bivio con via Castelnuovo, in direzione della frazione Noarna.

A tal riguardo ho ricevuto numerose lamentele da parte di residenti, che oltre all’impatto paesaggistico ed ambientale denunciano il fatto che nel corso delle operazioni è stato danneggiato il manto stradale, che sono stati abbandonati sul ciglio della strada i residui del taglio e massi di grosse dimensioni, e manifestano la preoccupazione che data l’elevata pendenza del terreno disboscato a monte della strada provinciale, il taglio radicale possa creare fenomeni di instabilità del versante e ruscellamenti sulla strada.

Per questo ho depositato un’interrogazione (qui allegata) per sapere dalla Giunta provinciale chi ha eseguito i lavori, quale ne sia il fine, se quanto segnalato sia già all’attenzione dei responsabili e in che modo si prevede di intervenire per evitare i ruscellamenti sulla strada.

 

*

Sul taglio di piante lungo la S.P. 20 presso la località Molini di Nogaredo
Nelle scorse settimane sono stati eseguiti dei lavori di taglio a raso del tratto boschivo collocato a monte della S.P. 20 sopra l’abitato di Molini di Nogaredo e il bivio con via Castelnuovo, in direzione della frazione Noarna.

A tal riguardo abbiamo ricevuto numerose lamentele da parte di residenti, che denunciano il fatto che nel corso delle operazioni è stato danneggiato il manto stradale e sono stati abbandonati sul ciglio della strada verso monte i residui del taglio e lungo il ciglio della strada verso valle una serie di massi di grosse dimensioni, coricati a ridosso del guard rail, costituendo quindi un reale pericolo per i mezzi in transito, considerata anche la ridotta dimensione della carreggiata.

È stata altresì manifestata la preoccupazione che data l’elevata pendenza del terreno disboscato a monte della strada provinciale, il taglio radicale possa creare fenomeni di instabilità del versante e ruscellamenti sulla strada in caso di forti piogge, ormai sempre più frequenti nei periodi estivi.

Non di meno si segnala un possibile danno paesistico e ambientale dato che l’area boscata mitigava le pendenze tra strada provinciale e la soprastante via Castelnuovo e costituiva un prezioso habitat per numerose specie di uccelli e roditori, tra cui lo scoiattolo rosso.

Ciò premesso,

si interroga la Giunta per sapere

1. se è a conoscenza dei fatti su esposti;
2. se i lavori sono stati eseguiti dalla Provincia Autonoma di Trento;
3. in ogni caso quale è lo scopo dei lavori e se sono terminati;
4. se i danni provocati al manto stradale saranno sistemati e quando;
5. se non si ritiene che i massi abbandonati lungo il ciglio stradale a valle costituiscano nocumento e pericolo alla viabilità;
6. quando si procederà alla rimozione dei massi e alla pulizia della canaletta di scolo acque lungo il ciglio a monte;
7. se il Servizio strade ha verbalizzato lo stato di fatto;
8. se nell’ambito del taglio degli alberi è stata valutata la stabilità del terreno e il rischio di ruscellamento e quali le contromisure che si intendono adottare;
9. se sono previsti ulteriori interventi in loco.

A norma di regolamento si chiede risposta scritta.

*

cons. Alessio Manica

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.