VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

LEGA – CONSIGLIERI COMUNALI ROVERETO (TN) * SICUREZZA: « L’EMERGENZA GENERALE È SOTTOVALUTATA, VALDUGA SI DIA UNA MOSSA E PRENDA ESEMPIO DA NOI »

“Le due notti di scontri e risse – venerdì notte in piazza delle Oche e, la notte dopo, in piazza Rosmini – che hanno segnato il fine settimana di Rovereto sono la prova più evidente del fatto che la situazione cittadina, purtroppo, non è più sotto controllo: non del tutto, almeno. Ma sopratutto, ciò testimonia la scarsa attenzione che varie Amministrazioni passate ed oggi la Giunta Valduga hanno riservato al tema della sicurezza, a lungo liquidato come fatto di «percezione» e pallino di chi abbia fissazioni securitarie, invece di essere affrontato.

Rispetto a questo, ci corre l’obbligo di evidenziare come il punto, qui, non sia quello d’un fine settimana di disordini, che pure è cosa gravissima. Il punto vero è una escalation delinquenziale, che si vede pure in pieno giorno, in centro storico e non solo – ad opera di baby gang, sbandati e bande di immigrati -, rispetto alla quale le forze dell’ordine, cui pure va il nostro più sentito ringraziamento per l’abnegazione e il coraggio con cui quotidianamente vivono il loro servizio, possono poco. Occorre che la politica e, in particolare, la Giunta Valduga faccia la sua parte, rafforzando in modo significativo le misure di sorveglianza e richiedendo più agenti.

Perfino a Trento – ed è davvero tutto dire, visto il colore della sua amministrazione – lo scorso aprile è stata ufficializzata la notizia d’un nuovo presidio della polizia locale nelle zone più critiche e, grazie alle incessanti pressioni della Lega, negli anni il numero di agenti assegnati alle vie cittadine è senza dubbio aumentato. E aumenterà ancora, dato che – com’è stato da poco confermato dallo stesso Matteo Salvini – in provincia di Trento sono in arrivo 16 donne e uomini in divisa che andranno ad arricchire l’organico da metà luglio a metà settembre, nell’ambito del potenziamento dei servizi di vigilanza estiva.

Invece non solo a Rovereto non è accaduto nulla di tutto questo, ma la città appare sempre più alle prese con le criticità di sicurezza di un centro metropolitano pur non essendolo, e ciò a scapito di giovani, anziani, famiglie e naturalmente commercianti cittadini, i quali com’è ovvio sono ormai esasperati. Per questo, sperando di essere ascoltati, ci appelliamo alla Giunta Valduga affinché, vincendo le titubanze e l’inconcludenza che (anche) su questo tema ne ha caratterizzato l’operato, si decida a riconoscere all’ordine pubblico il carattere di urgenza che inevitabilmente, specie da qualche tempo, purtroppo ha.

Prima matura una simile, per noi doverosa, consapevolezza a livello istituzionale, prima ai roveretani verrà restituita la loro magnifica città, il cui fascino appare ora regolarmente deturpato da disordini tipici dei sobborghi metropolitani”

È quanto affermato in una nota dai Consiglieri comunali di Rovereto della Lega Salvini Trentino