FUTURA2018 * elezioni comunali 2020: ” via libera a ‘ TRENTO FUTURA ‘, con figure nuove della società civile che si candidano a guidare il capoluogo “

A cura di redazione Opinione

Via libera, da parte dell’assemblea informale di Futura 2018 riunita ieri sera, lunedì 5 novembre 2018 nella sede Vvv (Via Veneto Venti) a Trento, all’adesione del gruppo Insieme Trento al progetto politico dell’associazione Futura 2018: la nuova lista che il 21 ottobre ha raccolto quasi il 7% dei voti in provincia di Trento (con l’elezione di Paolo Ghezzi e Lucia Coppola a consiglieri regionali/provinciali) e il 13,5% nel Comune capoluogo.

I quattro consiglieri comunali di Insieme Trento (Bungaro, Carlin, Salizzoni e Scalfi), che hanno fatto parte fin dal mese di giugno 2018 (con Verdi, Primavera trentina, Art.1/Mdp e R/esistenti autoconvocati) del gruppo che ha lanciato la proposta di Paolo Ghezzi come candidato del centro-sinistra per la presidenza della Provincia di Trento, hanno spiegato le ragioni che li hanno indotti ad entrare nella giunta Andreatta con due assessori (Corrado Bungaro alla cultura/ambiente, Alberto Salizzoni all’urbanistica/mobilità): rilancio forte dell’azione della giunta comunale e riconoscimento della pari dignità delle componenti che sostengono la maggioranza.

Paolo Ghezzi ha chiarito che si è trattata di un’autonoma decisione del sindaco di Trento e che il coinvolgimento del gruppo nell’ultimo anno e mezzo di consiliatura è un’opportunità e anche un rischio, che vale la pena di correre solo se collocato in un orizzonte più ampio: in tal senso Futura 2018 si propone come laboratorio sui progetti fondamentali per la Trento futura, non solo per il 2020-2025, ma con uno sguardo ancora più lungo.

Parte dunque un percorso partecipato alla costruzione di un’idea ampia e innovativa per la città, che dovrà anche esprimere una rosa di donne e uomini competenti e credibili, anche con figure nuove della società civile, che si candidano a guidare Trento a partire dalle elezioni comunali del 2020.

Dopo un dibattito che ha rimarcato l’esigenza di un forte dialogo permanente tra la pattuglia consiliare in Comune di Trento e la base di Futura, a stragrande maggioranza (con 4 astenuti) l’assemblea (una sessantina i presenti) ha approvato l’adesione di Insieme Trento a Futura 2018.