TRENTO AMMINISTRATIVE 2020

* LA SFIDA CENTRODESTRA - CENTROSINISTRA *

Intervista al candidato sindaco Trento 2020, avvocato Alessandro Baracetti

 

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

“Denunciate subito le violenze verbali, ribellatevi, perché ad insulti e discriminazioni quasi sempre seguono le violenze fisiche”.

Roma – Dopo aver denunciato nei mesi scorsi l’aver subito violenze e discriminazioni verbali legate al suo aspetto fisico con offese come “cicciona, obesa, vacca”, Francesca Giuliano scende in campo in prima linea in difesa delle Donne. Lo fa in occasione della Festa delle Donna dell’8 marzo per sottolineare che le Donne vanno rispettate sempre, perché sono “motore della vita e danno la vita”. Francesca è testimonial del progetto “D Di Donne” che combatte e denuncia le discriminazioni e le violenze verso le Donne per il quale lancia l’hashtag #ddidonne.

Francesca Giuliano, modella curvy, è la anni ’50 del programma di Bonolis “Avanti un altro” e dopo la puntata di Pomeriggio 5 di venerdì in cui è stata ospite (per parlare di chirurgia plastica, rivendicando il fatto di voler mantenere la sua ottava di seno naturale in nome del “sapersi accettare”), il selfie realizzato con Barbara D’Urso è divenuto virale.

Il video “D Di Donne”, oltre a Francesca, è interpretato da altre 7 Donne unite contro le violenze verbali e fisiche, da una bambina di 6 anni ad una Nonna, attraversando le varie generazioni femminili. L’Ode alle Donne “D Di Donne” (autore Igor Nogarotto, interprete Ermafrodito) ha la particolarità di essere la prima canzone nella storia della musica scritta interamente da parole che iniziano tutte con la stessa lettera, la “D”: “Dolci Dove Devi Dare Dure Dove Devi Dire”.

Link video “D Di Donne”: Link

“Siate voi stesse, accettatevi, senza curarvi dell’ignoranza di chi ci insulta e se la vostra fisicità si differenzia dalla media sappiate che è un pregio, non un difetto, fatene il vostro punto di forza” (Francesca Giuliano).