VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

FLP – FEDERAZIONE LAVORATORI PUBBLICI * UFFICI GIUDIZIARI REGIONE TN-AA: VETRONE, « NON C’È PIÙ TEMPO DA PERDERE, SI SVEGLI CHI PUÒ »

NON C’E’ PIÙ TEMPO DA PERDERE. SI SVEGLI CHI PUÒ!

Abbiamo appreso dagli organi di stampa dell’incontro tenutosi a Roma tra il Presidente della Regione Arno Kompatscher, il suo Vice Maurizio Fugatti e la Ministra della Giustizia Marta Cartabia.

L’incontro, si legge, è stato necessario per completare la delega della Giustizia in Regione e più precisamente per affrontare il problema che riguarda il “protocollo operativo” relativo alla delega regionale sulla amministrazione della giustizia che, è pronto ma manca dell’approvazione definitiva. Senza del quale, dice il governatore, non riusciamo a fare nulla in più rispetto alla gestione ordinaria.

Peccato, diciamo noi della FLP che qualcuno si è accorto di non poter fare nulla… dopo oltre tre anni da quando la delega sulla giustizia si è resa operativa a favore della Regione Trentino Alto Adige. Naturalmente, con una valanga di soldi a carico dell’Ente Regione e quindi del contribuente locale (si parla di circa 25 milioni di euro all’anno) senza l’auspicato miglioramento ed efficientamento della macchina giudiziaria che, soffre soprattutto dei gravissimi ritardi legati alla carenza di personale.

A tale proposito, anni, la Regione ha bandito un concorso per numero 12 posti per assistente giudiziario (nel resto d’Italia gli assunti negli ultimi anni sono stati migliaia), le cui prove orali dovrebbero svolgersi nei prossimi giorni.

Dopodiché, e qui la cosa scandalosa, all’atto dell’assunzione dei vincitori, altrettanti assistenti giudiziari assunti dalla Regione T.A.A. a tempo determinato e che lavorano da più di tre anni nei vari Uffici Giudiziari, verranno licenziati. Insieme alle loro competenze acquisite ed alle ottime valutazioni dei superiori gerarchici, nonché al disservizio che creerà il loro licenziamento.

A questo punto ci chiediamo: Come mai la Provincia Autonoma di Trento ed il Ministero della Giustizia dopo tre anni di servizio a tempo determinato stabilizzano i loro dipendenti e la Regione TAA “No”? Mistero.

Oltretutto, a nostro avviso, il momento dovrebbe essere particolarmente favorevole in tema assunzionale. Prova ne è stata data dalla carrellata di Ministri ed esperti finanziari che hanno partecipato al recente festival dell’economia a Trento. Hanno annunciato straordinari progetti di assunzioni in tempi brevi (100 giorni), proprio per dare un po’ d’ossigeno agli Uffici della Pubblica Amministrazione, penalizzati da decenni di blocco del turnover.

A tale proposito, ci siamo accorti che forse, anche in questo c’è stata una qualche disattenzione da parte dell’autorità politica locale.
Ecco perché in data odierna abbiamo inviato al Presidente della Regione e ad altri interlocutori, l’allegata nota.
Speriamo che qualcuno ci ascolti…

 

*

La Segreteria Regionale F.L.P.
G. Vetrone

 

 

///

Trento li, 11 giugno 2021
Al Presidente della Regione T.A.A.  Arno Kompatscher
Al Vice Presidente della Regione T.A.A.  Maurizio Fugatti
Ai Consiglieri Regionali della Regione T.A.A.

e.p.c. Ai Capi degli Uffici Giudiziari di Trento e Bolzano
“ All’associazione nazionale magistrati del Trentino Alto Adige

Oggetto – Assunzioni di 16.500 impiegati al Ministero della Giustizia –
Si è appena conclusa a Trento la XVI edizione del festival dell’economia. All’edizione ha partecipato anche il Ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta che, tra l’altro, ha annunciato l’assunzione di 16.500 dipendenti con profilo amministrativo nel Ministero della Giustizia, al fine di realizzare uno dei piani di riforma del Recovery Plan (nel caso in specie, l’Ufficio per il processo).
Analoga informativa è stata resa dalla Ministra Marta Cartabia che ha annunciato per la realizzazione del piano, lo stanziamento di tre miliardi di euro alla giustizia civile.

Come noto, la delega di funzioni dallo Stato alla Regione, riguardanti l’attività amministrativa e organizzativa di supporto agli Uffici Giudiziari (Decreto Legislativo del 7 febbraio 2017, n. 16), assegna alla Regione Trentino Alto Adige la competenza sul personale amministrativo nonché il reclutamento del medesimo personale attraverso l’indizione di appositi concorsi, anche in rispetto al Decreto del Presidente della Repubblica del 26 luglio 1976, n. 752 e successive modifiche e integrazioni (bilinguismo).
Per quanto sopra e nel dubbio che la massiccia assunzione di nuovo personale da parte dello Stato non abbia tenuto in

considerazione gli Uffici Giudiziari del Distretto Trentino Alto Adige perché oggetto di delega, si chiede di intervenire con apposito atto formale presso i dicasteri competenti per esigere l’assegnazione di un congruo numero di futuri nuovi assunti, da comprendersi nel suddetto reclutamento dei 16.500 dipendenti. In alternativa, di chiedere l’autorizzazione ad assumere come Ente Regione T.A.A., la quota percentuale spettante agli Uffici Giudiziari del predetto Distretto che, non vorremmo restassero fuori da un importante piano di riforma come quello annunciato.

In attesa di cortese riscontro, si Saluta Cordialmente
La Segreteria Regionale F.L.P.
G. Vetrone