PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

"Il Trentino news" (puntata n° 14)

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Ottimo l’intervento di stamane in V Commissione da parte di Vittorio Sgarbi, soprattutto ora che si sta intravedendo un rilancio culturale per la città di Rovereto tale da valorizzare un settore chiave quale quello del turismo. In una città dedita alla cultura quale è la città della Quercia. Del resto, il tempo è passato dalla nascita del MART e oggi si rendono necessarie nuove soluzioni adatte a esigenze sociali e culturali che nel tempo si sono evolute. Sono quindi d’accordo sul fatto che l’attrazione di un museo oggi non passa solo attraverso l’organizzazione delle mostre: deve esser ripensato in toto il progetto del “distretto culturale” di Rovereto.

L’apertura ad una virtuale visione del museo come ponte tra arte antica e moderna è un’idea che mi pare funzionale ad un MART che deve sempre di più essere la cartolina di Rovereto in Italia e nel mondo. Il progetto di portare al Mart Canova, accostato al moderno e contemporaneo, ma anche Caravaggio nella primavera prossima e nel 2020 Raffaello, collegato ad artisti novecenteschi che hanno rappresentato un raffaelismo perenne, è solo l’inizio di un percorso proprio in tal senso.

Questo percorso darà una visione di Rovereto nuova: non sarà più soltanto una semplice “città di passaggio”, come è stata vista in questi ultimi anni, ma diventerà una città sede di un distretto culturale capace di affrontare le sfide del futuro a testa alta.

E’ questo quanto dichiarato in una nota dal Capogruppo della Lega Salvini Trentino Mara Dalzocchio