VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

COPPOLA (EUROPA VERDE) – INTERROGAZIONE * FOCOLAIO COLONIA DI CESENATICO: « QUARTO TURNO GESTITO DA AERAT SCARL, SONO STATI INDIVIDUATI I RESPONSABILI? »

Riferimento al 4° turno della colonia di Cesenatico gestita da Aerat scarl,

premesso che:

non sono stati richiesti tamponi per l’accesso in struttura ai partecipanti, nonostante l’interesse in merito di alcuni genitori;

Aerat ha un piano di gestione di prevenzione COVID visibile sul proprio sito internet che non è stato applicato, come riferito dalle numerose testimonianze;

a seguito dello sviluppo del focolaio, ufficializzato domenica 22 agosto (benché i primi sintomatici risalivano a mercoledì 18), è subentrata una gestione compartecipata di Provincia di Trento, APSS e Ausl di Cesena;

l’ isolamento a seguito del focolaio in “bolle” ha manifestato carenze gestionali e organizzative in termini di spazi, condizioni igienico sanitarie e prevenzione della trasmissione del virus sia per i positivi che per i negativi;

la scarsa è imprecisa comunicazione con i genitori ha causato disagi, anche lavorativi, organizzativi e economici per gli stessi;

le condizioni di vivibilità messe in atto per i ragazzi, dalla domenica fino al giorno del rientro, supervisionate e coordinate da Pat e Aerat, pare siano state scadenti e lesive in termini psico-pedagogici e inaccettabili dal punto di vista umano;

nonostante le informative inviate per tempo attraverso ‘pec’, nulla di fatto è stato messo in atto per migliorare il precedente punto;

di fatto il contagio non è stato arginato per tempo, trasformando la vacanza dei ragazzi in tutt’altro e quindi nessuno ha fruito appieno per il servizio pagato.

 

*

Si interroga il Presidente della Provincia di Trento per sapere:

se si sono individuati o si intendano individuare i responsabili di quanto sopra descritto che per negligenza di prevenzione e attuazione dei protocolli previsti sono direttamente o indirettamente in concorso di causa sul nascere e la proliferazione del focolaio a danno dei ragazzi ospiti e del personale;

quale sia il conseguente ristoro commisurato per i danni derivati in termini economici e morali a favore dei ragazzi e delle famiglie degli stessi.

 

*

Cons. Lucia Coppola

consigliera provinciale/regionale Gruppo Misto/Europa Verde