PAT - LA RICERCA IN TRENTINO

- ARTE SELLA -

Nel video gli interventi di:
MAURIZIO FUGATTI (presidente Provincia autonoma di Trento)
ACHILLE SPINELLI (assessore  Sviluppo economico, ricerca e lavoro)
FRANCESCO PROFUMO (presidente Fbk)
ANDREA SEGRÉ (presidente Fem)
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Salvare il territorio, metterlo in sicurezza, risanarlo. Salvarlo dal dissesto idrogeologico che fa allagare le città e franare le montagne ogni volta che piove un po’ più forte; ma anche liberarlo dalla cementificazione e dal peso che insiste sulla sua superficie; dall’inquinamento; puntare ad un modello di sviluppo diverso, che implichi una forte inversione di tendenza sulla lotta ai cambiamenti climatici ed alla valorizzazione di una economia circolare eco-sostenibile. Sono queste le più urgenti Grandi Opere che il nostro Paese deve realizzare.

*

Il recente, apparente, accordo tra Veneto e Trentino riguardo il prolungamento a Nord dell’Autostrada A31 costringe il presente consesso di Associazioni, Comitati e Società Civile a ribadire la sua NETTA contrarietà ad un progetto che nulla porterebbe se non incalcolabili danni ambientali, che è in evidente violazione del Protocollo delle Alpi, che non risolve ALCUN problema legato al traffico (andandolo anzi ad aumentare) e che disattende qualsiasi desiderio di utilizzo sano e ragionato dei fondi pubblici.

E’ un teatro dell’assurdo: incompetenza, miopia politica e interessi inconfessabili sono sul palco e in questa scena ci propongono l’uscita a Rovereto Sud, folle da qualsiasi punto di vista per ammissione degli stessi progettisti. Una proposta che conferma (se ce ne fosse stato bisogno) quanto chi la sostenga sia inadeguato ad affrontare il tema della mobilità.

Qualsiasi forza che si definisca in grado di rappresentare degnamente e razionalmente il supremo interesse dell’Ambiente e della Salute dei cittadini accoglierà quanto con forza chiediamo di seguito:

1) LA REVOCA IMMEDIATA DELLA CONCESSIONE AUTOSTRADALE DI A4 BS-PD AD ATLANTIA-BENETTON (possibile grazie alla recente sentenza del Consiglio di Stato, che, annullando la delibera CIPE 21/2013, implica la decadenza della concessione della A4 Brescia-Padova (più A31)

2) L’ ABBANDONO DEFINITIVO DEL PROGETTO A31

3) L’ISTITUZIONE DI UN TAVOLO DI LAVORO CONDIVISO TRA ISTITUZIONI REGIONALI, LOCALI E COMUNITÀ PER LA MESSA IN SICUREZZA DEI TERRITORI, CON PARTICOLARE ATTENZIONE AI TEMI DELLA VIABILITÀ E DELL’ INQUINAMENTO.

Il Coordinamento NOA31

AgricUltura sez. Trentino
Amici della Terra – sez. Alto Garda e Ledro
CIPRA Italia
CS Bruno
DINO TAV
ENPA – sez. Trentino
Gruppo Italiano Amici della Natura
Italia Nostra – sez. trentina
LAC – sez. Trentino
LAV Italia
Ledro Inselberg
Legambiente – sez. Trentino Alto Adige
LIPU – sez. Trentino
Medicina Democratica – sez. Trentino
Medici per l’Ambiente ISDE – sez. Trentino
Mountain Wilderness Italia
NO TAV Mamme Marco
Salviamo la Val d’Astico
SOS Anfibi
SOS Anfibi – gruppo di Vicenza
WWF Italia
WWF – O.A. Trentino
YAKU