News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

CONSIGLIO PROVINCIALE PAT – INTERROGAZIONE CONSIGLIERE DEGASPERI * VERSANTE AUSTRIACO TUNNEL DI BASE BRENNERO: « GRAVI RITARDI NEI LAVORI E GIÀ 230 MILIONI DI COSTI AGGIUNTIVI »

Scritto da
17.53 - lunedì 07 gennaio 2019

Pare che i lavori per la realizzazione del Tunnel di base del Brennero stiano subendo significativi ritardi e che ciò causi un’importante lievitazione dei costi. Per avere conferme e saperne di più il consigliere provinciale trentino Filippo Degasperi (Movimento 5 stelle) ha presentato il 31 dicembre scorso un’interrogazione sottoscritta anche dal collega Marini.

Stando alle informazioni da lui raccolte e mai smentite dall’Osservatorio per la trasparenza, i ritardi e il conseguente incremento dei costi del Bbt (Brennero BasisTunnel) riguardano quattro lotti dove la tardiva consegna dell’opera rispetto ai tempi previsti ha determinato un conseguente aggravio dei costi.

Complessivamente si tratta di circa 230 milioni di euro in più, ma la cifra potrebbe risultare ancor più alta se i ritardi continueranno ad accumularsi. Ecco la situazione dei lavori riportata dall’interrogazione lotto per lotto.

Lotto Tufles – Pfons (importo contrattuale originario 377 milioni): si registra un grave ritardo rispetto alla data di ultimazione contrattualmente prevista. Tale ritardo sembrerebbe destinato ad incrementarsi per il persistere delle difficoltà tecniche e per la richiesta di estensione dei tempi contrattuali presentata dall’appaltatore per più di 1.000 giorni.

L’incremento dei costi al momento è pari a 200 milioni di euro che sembrano però destinati a lievitare ulteriormente.

Lotto Pfons – Brennero (importo contrattuale originario 966 milioni): la procedura di gara per il lotto ha avuto una durata maggiore del preventivato. Di fatto sembra che i lavori non siano ancora stati consegnati per carenze progettuali e mancanza di importanti autorizzazioni. Il ritardo stimato è di almeno 14 mesi con un aumento di costi dovuto al solo ritardo nella consegna per 15 milioni di euro.

Lotto Sillschlucht: si rilevano ritardi di circa un anno rispetto a quanto previsto con aumento dei costi per il solo ritardo pari a 3 milioni.

Lotto Sillschlucht – Pfons: il ritardo accumulato è valutabile in un anno e mezzo con aumento di costi derivanti dal solo ritardo per 12 milioni di euro.

A fronte di tutto ciò Degasperi pone per iscritto al presidente della Provincia alcuni interrogativi. In particolare il consigliere chiede di sapere, alla luce dei ritardi segnalati, la data prevista per l’entrata in esercizio del Tunnel di base del Brennero, il costo totale stimato per l’entrata in esercizio dell’opera e la ripartizione di questo costo tra Italia, Austria e Unione europea, e le fonti di finanziamento.

Ancora, Degasperi vuole conoscere il costo totale annuo del trattamento economico dell’amministratore della galleria di base del Brennero, ingegner Raffaele Zurlo, e se questo costo rispetti i limiti previsti per il trattamento del personale pubblico e delle società partecipate previsti dalla Legge.

 

 

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.