News immediate,
non mediate!

CONSIGLIO AUTONOMIE LOCALI * SEDUTA 27/10: « ILLUSTRAZIONE MODELLO RIPARTO FONDO PEREQUATIVO-SOLIDARIETÀ / PARERE FAVOREVOLE CONTRIBUTI AI COMUNI PER SGOMBERO NEVE »

Scritto da
20:47 - 27/10/2021

Riparto del fondo perequativo/solidarietà. Illustrazione.

L’illustrazione del modello di riparto del fondo perequativo/solidarietà è stato il tema dell’incontro del CAL con l’Assessore agli Enti locali e rapporti con il Consiglio provinciale, Mattia Gottardi.

Il Presidente del CAL, Paride Gianmoena, ha aperto la seduta sottolineando l’importanza del tema: con l’Assessore si era per questo condivisa la necessità di un approfondimento generale sul modello di perequazione, prima di iniziare il confronto sul Protocollo di intesa in materia di finanza locale per l’anno 2022. Gianomena ha, inoltre, evidenziato come il modello di perequazione attuale derivi dalla revisione del modello da anni utilizzato, effettuata con il proposito di meglio intercettare le entrate dei Comuni.

L’Assessore Gottardi, nel suo intervento, ha iniziato ripercorrendo la storia degli ultimi anni dei rapporti finanziari Stato-Provincia, che ha originato effetti anche sui trasferimenti ai Comuni; in particolare, con il passaggio da ICI e IMUP, è stato riservato allo Stato il sovragettito tributario prodotto, pari annualmente a circa 122 milioni.

Il periodo straordinario che abbiamo vissuto, il COVID e l’emergenza VAIA, in particolare, hanno profondamente inciso sui bilanci degli Enti locali e hanno comportato un adeguamento delle politiche finanziarie. Gottardi ha voluto specificare che negli ultimi anni sul bilancio provinciale è registrata una crescita dei trasferimenti ai Comuni di parte corrente; il Fondo perequativo base, negli ultimi 10 anni, è invece passato da 200 a 161 milioni.

Il tema ha visto una serie di interventi di chiarimento sul modello di perequazione e sulle voci che lo compongono.
Non sono mancate criticità sul modello di perequazione approvato nel 2019.
In discussione anche il ruolo dei Comuni che versano nel fondo di solidarietà e che chiedono una revisione del sistema di finanza locale.

 

*
Precipitazioni nevose del dicembre 2020, criteri dei contributi ai Comuni dello Statuto
Parere favorevole

Il CAL ha dato parere favorevole alla proposta di deliberazione della Giunta provinciale concernente i criteri e le modalità per la concessione ai Comuni di contributi a ristoro delle spese sostenute per lo sgombero neve, in occasione delle eccezionali precipitazioni nei giorni 4, 5, 6, 27 e 28 dicembre 2020.

Il Consiglio delle autonomie locali – esprimendo apprezzamento per il ristoro riconosciuto ai Comuni a valere su fondi stanziati dal Governo, conseguentemente allo stato di emergenza dichiarato dal Consiglio dei Ministri il 26 febbraio scorso – ha espresso parere favorevole rispetto al contenuto del provvedimento, chiedendo che, nell’ambito dello stesso, sia dato spazio al ristoro degli oneri sostenuti per la remunerazione del lavoro straordinario del personale comunale, e che siano fornite indicazioni più precise in merito alla rendicontazione del sale stradale e del carburante utilizzato per fronteggiare l’emergenza, attingendo ad approvvigionamenti effettuati per l’intera stagione invernale.

La delibera
La delibera individua i criteri per la concessione ai Comuni di contributi a ristoro delle spese sostenute per lo sgombero della neve e la messa in sicurezza della viabilità e dagli spazi pubblici, a seguito delle eccezionali nevicate che hanno interessato la Provincia di Trento nei giorni 4, 5, 6, 27 e 28 dicembre 2020.

L’eccezionalità delle nevicate del dicembre 2020 ha determinato la dichiarazione, da parte del Consiglio dei Ministri, dello stato di emergenza con riferimento al territorio di 160 Comuni della Provincia di Trento, a cui è conseguito lo stanziamento, a carico del Fondo per le emergenze nazionali, di 8.600.000 Euro per i primi interventi di ripristino della viabilità e dei servizi su territorio, a fronte di una spesa per interventi di sgombero neve e salatura straordinaria delle strade stimata in Euro 11.792.396,00, a carico dei Comuni e della Provincia, per la viabilità di rispettiva competenza.

Il provvedimento oggi esaminato dal CAL determina i criteri per l’accesso dei Comuni alla quota di ristori di loro competenza, pari a complessivi Euro 6.857.326,00. La richiesta di contributo dovrà essere presentata dalle Amministrazioni comunali entro trenta giorni dalla pubblicazione della delibera, ed il riparto del contributo – secondo un piano che verrà successivamente determinato – avverrà entro il 31 dicembre 2021.

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.