News immediate,
non mediate!

COMUNE DI ROVERETO (TN) * NOTTE BLU: COSSALI « CULTURA NON È SOLO CREARE EVENTI E MANIFESTAZIONI, MA È COSTRUIRE IL NOSTRO MODO DI STARE AL MONDO »

Scritto da
16:08 - 18/10/2021

Notte Blu Rovereto. Sabato 23 ottobre la città e i musei si accendono di blu per una notte di aperture straordinarie, trekking urbani, laboratori e visite guidate.

Torna a Rovereto l’appuntamento con la Notte Blu, nata nel 2020 per celebrare l’anniversario dell’entrata in vigore dello statuto delle Nazioni Unite. Sabato 23 e domenica 24 ottobre, due giorni di proposte culturali per trascorrere un intenso fine settimana nella Città della Pace e vivere una notte di aperture straordinarie dei musei, trekking urbani in notturna, laboratori e visite guidate immersi nella suggestiva atmosfera di una città con le principali attrazioni illuminate di blu, il colore della pace, per un suggestivo colpo d’occhio che renderà ancora più esclusiva la cornice cittadina.

“Cultura non è solo creare eventi e manifestazioni, ma è costruire il nostro modo di stare al mondo– ha detto l’Assessora alla Cultura del Comune di Rovereto, Micol Cossali – Attraverso questa iniziativa vogliamo dare visibilità alla rete dei musei di Rovereto, con i quali lavoriamo in sinergia. C’è sempre più bisogno di fare fronte comune e in questo le realtà museali sono protagoniste. Con questa iniziativa abbiamo voluto, in accordo con APT, proporre l’ingresso gratuito per le ragazze e i ragazzi sotto i 18 anni, per avvicinare un pubblico giovane e le famiglie ai musei”.

“Un evento che nasce in occasione di un anniversario importante” – ha ricordato il Reggente della Fondazione Campana dei Caduti, Marco Marsilli, che ha voluto ringraziare tutti gli enti per l’attività svolta – “Tutti i musei hanno collaborato con la propria disponibilità per ricordare il 76mo anniversario della fondazione delle Nazioni Unite. Già lo scorso anno l’iniziativa fu un successo e l’auspicio è che possa divenire una appuntamento fisso. Una occasione per ricordare l’importanza dell’ONU, con il colore Blu della Pace che esso stesso rappresenta”.

“Non cultura per cultura, ma cultura per la pace” – ha detto Alessandra Cattoi, direttora della Fondazione Museo Civico – Tutti insieme facciamo un passo in più su un tema traversale che ci vede coinvolti e responsabilizzati. La Fondazione aprirà, fino alle 23, il Museo della Città con una mostra sul tema della peste, dove possiamo cogliere le analogie tra le pestilenze del passato a Venezia e Rovereto e quello che accade oggi”.

Mariaelena Cavicchioli ha ricordato come il Museo della Guerra, nato per celebrare l’orgoglio nazionale un secolo fa si sia trasformato in un museo della pace, dove vengono raccontati i conflitti per creare una cultura di pace. “Uno degli assi portanti, senz’altro che sposiamo e che condividiamo con i musei della città”.

Susanna Sarà Mandice, nel portare i saluti del CDA del Mart, ha manifestato l’apprezzamento per questa iniziativa, che cade pochi giorni dopo l’inaugurazione sulla grande mostra su Fortunato Depero: “Siamo felici che la prima settimana di mostra abbia un evento come questo. Vi è grande entusiasmo e partecipazione da parte del Mart che propone delle mostre che potrei definire divertenti”. La mostra su Dossena, dove il falso diventa opera d’arte e quella coloratissima su Depero ci parlano della voglia di “tornare al museo per divertirsi”.

Il presidente dell’Apt Rovereto, Vallagarina, Monte Baldo, Giulio Prosser, ha infine lanciato con entusiasmo la “Notte blu” che “è un momento corale per tutta la città. I musei registrano già tantissime prenotazioni. Va sottolineato che anche quest’anno il distretto culturale di Rovereto ha funzionato alla perfezione. Ben il 75% dei turisti – ricorda ancora Prosser – si muove per le visite culturali e questi turisti hanno una capacità di spesa superiore del 30%. Per questo anche quest’anno la “Notte blu”si preannuncia come un grande successo”.

Sabato 23 ottobre i musei rimarranno aperti fino a tarda sera e si potranno visitare con un biglietto unico, la NotteBluCard, acquistabile online e presso gli uffici dell’Apt Rovereto Vallagarina Monte Baldo, che sostiene e coordina l’iniziativa in sinergia con il Comune di Rovereto e il supporto di Dolomiti Energia. La validità è di 48 ore, il costo è di 15 euro per gli adulti, gratis per gli under 18.
La Campana dei Caduti sarà aperta in via straordinaria fino a mezzanotte. Sul Colle di Miravalle sono previste proiezioni di alcuni articoli della Carta delle Nazioni Unite e della dichiarazione Universale dei Diritti Umani, oltre a frasi pronunciate da Premi Nobel per la Pace.
Mostre temporanee aperte fino alle 23 al Mart, che propone due speciali visite guidate a “Depero New Depero” (ore 21) e “Il falso nell’arte. Alceo Dossena e la scultura italiana nel Rinascimento” (ore 22), le nuovissime esposizioni dell’autunno. Presso l’Area Educazione sarà inoltre possibile partecipare al workshop “Le lettere della pace”, per sperimentare composizioni basate su pattern colorati creati con diverse tecniche che fanno da sfondo alle lettere della parola “pace”. La prenotazione di tutte le attività è obbligatoria scrivendo a education@mart.trento.it o telefonando allo 0464 454135-108 entro le 12 di venerdì 22 ottobre.

Anche la Casa d’Arte Futurista Depero e il Museo della Città resteranno aperti fino alle 23. Nella sede di Via Calcinari, la Fondazione Museo Civico propone tre visite guidate alla mostra “C’era una volta la peste: Venezia e Rovereto” (ore 20, 21 e 22). La prenotazione è obbligatoria scrivendo a museo@fondazionemcr.it o telefonando allo 0464 452800 entro le 17 di venerdì 22 ottobre.

Il Museo Storico Italiano della Guerra rimarrà aperto fino alle 21. Nell’arco della giornata saranno proposte delle visite animate per famiglie dal titolo “Un salto nel passato” (ore 11, 14.30 e 16.30). Alle 17.30 e alle 19 c’è la visita guidata a tema “Il Museo e i suoi cento anni di storia”. La prenotazione delle attività è obbligatoria scrivendo a didattica@museodellaguerra.it o telefonando allo 0464 488041 entro le 16 di venerdì 22/10.

Alle 20 e alle 22 sono in programma due trekking culturali notturni in città con ritrovo sotto il porticato di Palazzo del Ben – Conti d’Arco in Piazza Rosmini e ingresso finale al Teatro Zandonai, il primo teatro del Trentino.
Domenica 24 ottobre, in occasione del 76° anniversario delle Nazioni Unite è in programma un trekking della pace con partenza alle 10 da Palazzo del Podestà e arrivo alla Campana dei caduti in tempo per assistere ai cento rintocchi di Pace di mezzogiorno.
Info e dettagli su visitrovereto.it e sui portali dei musei che aderiscono all’iniziativa

IMMAGINI VIDEO: https://we.tl/t-CFXkwEirMQ

NB: per i documenti elettronici il Comune di Rovereto ha adottato i formati aperti ODF e PDF/A.
Il software da noi utilizzato è LibreOffice, che chiunque può liberamente e gratuitamente scaricare ed installare dall’indirizzo https://it.libreoffice.org/
NB: il presente messaggio è riservato. Qualora lo aveste ricevuto senza essere uno dei destinatari indicati dal mittente, avete l’obbligo di eliminarlo in quanto l’utilizzarlo (incluso trattenerlo, diffonderne anche in parte il contenuto, inviarlo ad altri soggetti) costituirebbe atto illecito anche rispetto alla normativa sulla privacy.

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.