VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

COMITATO MOBILITÀ SOSTENIBILE IN TRENTINO * WEBINAR: BAZZANI, « MANCANZA DI VISIONE STRATEGICA E ASSENZA DEL PIANO PROVINCIALE DI MOBILITÀ PROVINCIALE »

Giovedì sera si è svolto il WEBINAR del COMITATO MOBILITA’ SOSTENIBILE TRENTINO- CMST con una ampia partecipazione di cittadine, cittadini e amministratori sul tema “MOBILITA’ SOSTENIBILE: MITI E REALTA’”

In particolare, alla serata hanno partecipato e sono intervenuti i consiglieri provinciali Lucia Coppola e Alex Marini, gli assessori Ezio Facchin del Comune di Trento, Andrea Miniucchi del comune di Rovereto, Gabriele Andreasi del Comune di Arco, il sindaco di Mori Stefano Barozzi, il sindaco di Besenello Cristian Comperini, Andreas Fernandez Presidente della Commissione ambiente del Comune di Trento e tanti consiglieri comunali di Rovereto, Riva del Garda e Dro e soprattutto hanno partecipato tante cittadine, cittadini e associazioni.

Ha presentato la serata il Portavoce del CMST Alessio Bazzani, con la moderazione di Tiziano Grottolo giornalista de Il Dolomiti, ha dato un ampio e prezioso contributo l’Ing. Ezio Viglietti. Il dibattito è stato vivace e ha affrontato i vari temi che riguardano la mobilità.

In particolare è stata ribadita la mancanza di una visione strategica complessiva, cioè l’assenza di un Piano Provinciale della Mobilità Provinciale. Si è parlato dei recenti provvedimenti che tendono a comprimere la partecipazione popolare, con il Decreto Semplificazioni e altri decreti per la realizzazione del PNRR. Inoltre si è parlato della mancanza dei progetti di fattibilità tecnica ed economica per il lotto 3a circonvallazione di Trento e per il collegamento ferroviario Rovereto – Garda.

I comuni di Rovereto, Mori e Riva del Garda hanno approvato all’unanimità una mozione sulla mobilità sostenibile e sul collegamento Rovereto – Garda. Una mozione è già stata depositata a Dro e prossimamente verrà fatto anche ad Arco.

Si è poi fatto notare che la elettrificazione della tratta ferroviaria fino a Borgo Valsugana non migliorerà notevolmente il livello di servizio della linea. In particolare Carla Zanella ha evidenziato che la palificazione della linea aerea deturperebbe il paesaggio. Secondo il suo parere, sarebbe stato meglio adottare i treni a batterie o a idrogeno. L’ing. Viglietti ha prospettato inoltre che la linea ferroviaria della Valsugana, raddoppiata e opportunamente potenziata, potrebbe costituire una valida alternativa al collegamento autostradale A31 Valdastico. Collegherebbe gli interporti orientali veneti con l’asse dell’Adige e l’interporto di Trento.

Inoltre si è parlato del principio: “Chi inquina paga” e del Fondo Provinciale per la Mobilità Sostenibile, cioè l’accantonamento di risorse finanziarie dai pedaggi autostradali, per realizzare le opere di mobilità sostenibile nel territorio trentino che si vanno ad aggiungere a quelle già disponibili. In modo analogo a come è fatto il “Fondo Ferrovia” per finanziare il tunnel di base del Brennero, l’interporto di Trento, il nuovo interporto di Isola della Scala e il porto Valdaro di Mantova.

Si è parlato della figura del mobility manager che è stata istituita con il recente Decreto Rilancio, la sua adozione obbligatoria è stata estesa a tutte le società con 100 o più dipendenti localizzati in comuni, capoluoghi di provincia e regione e città metropolitane con popolazione superiore a 50 mila abitanti.

Verso la fine della conferenza si è discusso della partecipazione della cittadinanza al dibattito pubblico, quando si vuole progettare un’opera pubblica che impatta su di un territorio. Il comitato ritiene sia necessario che i cittadini abbiano voce in capitolo e che siano ascoltati quando il territorio dove vivono deve subire trasformazione che condizioneranno la loro vita.

Il Portavoce del CMST Alessio Bazzani ha invitato ad aderire al Comitato e informato che nel prossimo futuro ci saranno altri incontri e seminari on line o in presenza che costituiranno dei veri e propri approfondimenti da porre all’attenzione degli amministratori e della cittadinanza.

Il comitato è uno spazio aperto apartitico a disposizione dei cittadini e delle cittadine.

 

*

COMITATO MOBILITA’ SOSTENIBILE TRENTINO

Portavoce
Alessio Bazzani